Como existem muitas dietas líquidas não há um passo a passo específico. Porém, a maioria das dietas líquidas costumam se dividir entre café-da-manhã, almoço, jantar e lanches da manhã, tarde e noite. Sendo que no café-da-manhã é comum a recomendação do consumo de vitaminas de frutas e no almoço e jantar a orientação é ingerir sopas. Os lanches geralmente contam com iogurtes, sucos ou chás. Outro ponto comum entre as dietas líquidas é que elas duram um período curto de tempo, em torno de 5 dias.
Un uso prolungato può causare l'insorgenza di effetti collaterali a carico del sistema nervoso quali ansia, insonnia, irrequietezza, vertigini, tremori e cefalea. Raramente sono stati riportati episodi psicotici. Infine in alcuni individui sono stati segnalati disturbi quali secchezza della bocca, diarrea, costipazione, nausea, epigastralgia (mal di stomaco), disuria e alterazioni della libido.

Infatti, esiste un detto, "tutte le diete funzionano, nessuna dieta funziona", cioè e quasi impossibile, anche calcolando tutto al millimetro, dimagrire di grasso senza intaccare sia pure una piccola parte di massa muscolare, specialmente se non si assumono steroidi. Il nostro compito sarà quindi di dimagrire cercando di perdere meno muscolo possibile, ma la cosa non è semplicissima. Ma vediamo cosa ci dice la fisiologia a proposito di grasso, per poi partire praticamente alla ricerca dell'agognata definizione. L' adipe del nostro corpo è inserito quasi totalmente in cellule specializzate, gli adipociti. Hanno una forma tondeggiante e hanno un diametro che può andare da pochi millesimi di millimetro fino a quasi 200 micron. Nel nostro tessuto sotto la pelle (il cosiddetto sottocutaneo), abbiamo uno strato di grasso formato da adipociti tanto più grandi quanto è più alta la percentuale di grasso del nostro organismo. Ognuno degli adipociti può contenere quantità variabili di grasso e si possono immaginare come tanti palloncini attaccati tra loro. Quando ci mettiamo a dieta e/o facciamo attività aerobica e cominciamo a dimagrire, molti adipociti perdono grasso, quando invece mangiamo a ruota libera e ingrassiamo, la maggior parte di queste cellule aumenta il contenuto lipidico. Purtroppo questo meccanismo è il risultato dell'adattamento alle proibitive condizioni che i nostri progenitori avevano svariate migliaia di anni fa. La scarsa disponibilità di cibo ha fatto sì che il nostro organismo abbia dotato gli adipociti di ottime capacità di aumentare il loro contenuto di grasso, ma di una scarsa propensione al rilascio. In pratica se c'è disponibilità l'adipocita "mette in cascina più fieno" (cioè più grasso) possibile, mentre anche se è costretto a rilasciarlo, lo fa molto lentamente. Ecco perché è più facile ingrassare che dimagrire. I grassi contenuti negli adipociti sono trigliceridi, cioè delle molecole formate da glicerolo e tre acidi grassi e hanno la caratteristica di non poter uscire dalla cellula adiposa senza essere prima smembrati. A questo particolare lavoro sono deputati specifici enzimi situati all'interno degli adipociti, denominati "lipolitici". In pratica i trigliceridi non possono fuoriuscire dalla cellula senza l'intervento di questi enzimi, in quanto le aperture della membrana della cellula sono più piccole della molecola di grasso intera, ma non dei singoli componenti della stessa. Quindi il nostro compito è quello di scoprire:
El menú de líquidos claros es más restrictivo porque su propósito es no dejar ningún material digestivo cuando te estás preparando para la cirugía. Alimentos permitidos en esta pauta incluyen agua, bebidas con sabor a fruta, bebidas gaseosas, postres de gelatina sin aderezos, paletas de helado y caldo o consomé, siempre y cuando se cuelen las piezas de carne o vegetales.
A.D.A.M., Inc. está acreditada por la URAC, también conocido como American Accreditation HealthCare Commission (www.urac.org). La acreditación de la URAC es un comité auditor independiente para verificar que A.D.A.M. cumple los rigurosos estándares de calidad e integridad. A.D.A.M. es una de las primeras empresas en alcanzar esta tan importante distinción en servicios de salud en la red. Conozca más sobre la politica editorial, el proceso editorial y la poliza de privacidad de A.D.A.M. A.D.A.M. es también uno de los miembros fundadores de la Junta Ética de Salud en Internet (Health Internet Ethics, o Hi-Ethics) y cumple con los principios de la Fundación de Salud en la Red (Health on the Net Foundation: www.hon.ch).
Le porzioni sono troppo grandi? Verdure, frutta, semi, sono la base della dieta vegana. Spesso però si tende a esagerare con i quantitativi di questi alimenti che, seppur salutari, presentano poi un loro conto calorico. Attenzione dunque, nel seguire i consigli nutrizionali, a verificare che siano adatti alla vostra corporatura, età, sesso, tipologia di attività fisica.

Si dovrebbe puntare per almeno 4 porzioni di verdura ogni giorno. Questo significa ½ tazza di verdura cotta o cruda 1 tazza. Fino a quando il vegetale non è sormontato da una medicazione grassi o salsa, si può mangiare il maggior numero di porzioni che vuoi da questo gruppo. Almeno 1 dei tuoi porzioni di verdura dovrebbe essere ricchi di calcio, verdure a foglia verde scuro, come broccoli, cavoli, o cavoli.
Al termine dei sei mesi di studio, con sorpresa dei ricercatori, quella che provocava una perdita più significativa di peso corporeo, malgrado l’elevato contenuto in carboidrati, era la prima dieta, vale a dire la vegana. Chi seguiva questo regime, infatti, perdeva oltre il 4% del proprio peso e 7,5 chili di media. Secondo la prima autrice dello studio Gabrielle Turner-McGrievy, sono essenzialmente due le ragioni di questo risultato. «Primo motivo: i vegani consumavano più cibi contenenti fibre che li aiutavano a saziarsi, evitando di sentirsi affamati e mangiare in eccesso. Secondo motivo: la loro dieta era povera di grassi e quindi probabilmente includeva meno calorie».
Oltreoceano si dice ‘Go for 5+2!’, ed è ultimamente lo slogan più popolare per apparecchiare la tavola in modo consapevole, con un occhio di riguardo per la propria salute. Innanzitutto, contando le porzioni di frutta e verdura necessarie: i nutrizionisti lo hanno finalmente stabilito, sono sette quelle da assumere ogni giorno. Meglio se cinque di ortaggi e solo due di frutta, più zuccherina, (una porzione è, ad esempio, una mela o tre albicocche) per abbassare il rischio di infarto, ictus, diabete e anche prevenire alcuni tumori come ha dimostrato un recente studio dell’University College di Londra su 65 mila persone. Un altro trend molto in voga suggerisce di fare i conti non solo nel piatto ma anche sul calendario, scegliendo almeno due giorni di digiuno o semi-digiuno la settimana e poi concedersi pasti completi ed equilibrati nei restanti cinque. Solo mode? No, le basi scientifiche ci sono e c’è anche chi, fedele al motto del ‘5+2’, sceglie addirittura di combinare i due suggerimenti dirottandosi sulla ‘dieta liquida’, uno o due giorni la settimana: frullati, succhi e centrifugati aiutano, infatti, ad assumere molti più vegetali di quelli che si riuscirebbero a masticare e deglutire in un solo pasto e facilitano la cosiddetta restrizione calorica settimanale, che sembra essere il lasciapassare di longevità anche per chi non deve perdere i chili di troppo. A patto, è bene precisarlo, che a sperimentarlo siano persone in buona salute, senza condizioni patologiche di cui occuparsi responsabilmente.
Os sucos são quase sempre incluídos nessa dieta pelo seu grande poder de desintoxicação no organismo. São refrescantes e agradáveis proporcionando maior energia e vigor. Existem sucos que são consumidos buscando determinado objetivo como eliminar a celulite, moderar o apetite, trazer mais energia, etc. Sopas devem ser feitas com verduras e legumes de acordo com o gosto de cada um. O importante é variar os ingredientes para que o consumo diário não se torne cansativo e desestimulante.

Zinco supplementazione di zinco in soggetti carenti ha dimostrato di aumentare i livelli di leptina circolanti. La leptina, un ormone scoperto di recente, nel 1994, svolge un ruolo chiave nella regolazione della spesa del corpo di energia, il deposito di grasso, e l’appetito. Si comunica direttamente al cervello quando si dovrebbe sentire pieno e smettere di mangiare. Livelli di leptina insufficienti si ritiene siano la causa primaria del desiderio di cibo, l’eccesso di cibo, e ossessione per il cibo . Zinco, che richiede la vitamina B6 per il corretto assorbimento a livello intestinale, si trova in una varietà di alimenti, più ricche fonti alimentari che sono le ostriche, carne rossa e pollame.
Oltre ai cibi integrali il programma alimentare prevede dei frullati proteici. Quelli a basso contenuto di carboidrati sono ideali per piccoli pasti o spuntini, mentre quelli con un rapporto di carboidrati maggiore sono più indicati come pasti pre- e post allenamento. Ricorrete agli integratori proteici per fornire all'organismo tutti i nutrienti di cui necessitano per il mantenimento dei muscoli.
×