Come fare a seguire la dieta liquida? Vediamo una giornata tipo: la colazione è a base di tisane e succhi di frutta, mentre a metà giornata è previsto l’unico pasto solido consentito. “Non c’è un orario fisso, bisogna seguire la fame. Indicativamente le ore consigliate sono tra le 15 e le 17”. Le opzioni sono molteplici: “Io parto da una scelta vegana – illustra Speranza – e per questo motivo consiglio vegetali crudi, come finocchi, pomodori, carote o avocado con limone. Ma la scelta del pasto più adatto varia da persona a persona, e soprattutto dall’alimentazione che segue di solito. Se si è abituati a quattro pasti al giorno, io consiglio di evitare cibi impegnativi per l’apparato digerente, come la carne, e cibi “collosi” come il riso e gli amidacei”. Via libera dunque a gallette di mais, quinoa con i piselli, hamburger vegetariani e farro e orzo, “alimenti leggeri che venivano masticati a lungo anche dai soldati romani quando marciavano per ore e ore, accompagnati dalle verdure selvatiche”.
"La dieta vegetariana ha dimostrato non solo di aiutare a perdere peso ma anche di essere più efficace a ridurre la massa grassa e migliorare il metabolismo. Questo dato è significativo per le persone che cercano di perdere peso, incluse quelle che soffrono di sindrome metabolica o diabete di tipo 2. Ma il risultato è rilevante anche per le persone che vogliono tenere sotto controllo il peso mantenendosi sane e magre”.
Ciao Deb. Io in un anno e mezzo ho perso 28 chili però mi sono assestato tra gli 82/84 . Fino a 2 settimane fà andavo 3/4 volte in palestra ( facendo 40 minuti cardio e poi pesi ) e giocavo 2 volte a calcio . Il fine settimana diciamo mi la ia o andate nel mangiare e nel bere perciò rimanevo sempre costante con il peso . 2 settimane fà mi sono tolto una ciste sotto un dente e per colpa dei punti per 8 gg ho bevuto solo spremute e frullati. Da lì in poi il mio corpo Sta cambiando e nonostante controllo il peso che non supera gli 82 il mio peso sta scendendo e me ne accorgo dai vestiti e dalla cintura che ha perso un buco. Volevo chiederti come mai tutto questo cambiamento anche se per paura io sto mangiando tanto ma brucio tutto subito ??? E perché sto dimagrendo con i muscoli dato che non vado in palestra o altro????
Tutto veramente interessante, ma sarebbe interessante sapere chi endomorfo come me,se non può fare sedute con carichi ma solo endurance,come si fa ad allenare,visto che allenandomi cosi si verifica cio che hai perfettamente descritto ossia pochi risultati e questo dopo aerobica e circuiti con cardio tarato per non arrivare a rischio per il mio problema
Buongiorno Debora, è la prima volta che ti scrivo, ma ho da poco iniziato il percorso che suggerisci per dimagrire senza dieta e volevo un po’ raccontarti le mie impressioni. Ho 43 anni e da quando ne ho 16 mi torturo con le diete….ho un pessimo rapporto con il cibo, solo ora mi sto accorgendo che per me il cibo è sempre stato un nemico…perché mi piace troppo e nello stesso tempo perché mi fa male…ma questo mi portato ad un costante sovrappeso! Ora la mia nutrizionista, (dalla quale ho imparato moltissimo su come è bene nutrire con amore il nostro corpo) mi ha detto “basta”! Mi ha detto smetti di essere a dieta fai una pausa poi fra un po’ ne riparliamo. Allora ho rispolverato dalla libreria il tuo libro con il CD. Lo avevo comprato un paio di anni fa perché avevo fatto un mini corso in line su la pnl legata al dimagrimento…molto interessante ma dopo un paio di settimane ho lasciato perdere e ho ricominciato a mangiare velocemente e a non visualizzare più….quindi l’ennesimo insuccesso! È questo che mi fa paura…ora mi sento benissimo, da una settimana sto mangiando bene perché lo voglio io e mi voglio davvero più bene…mi sembra di avere avuto una rivelazione che mi fa vedere tutto da un altro punto di vista…ma poi??? Cosa succederà se non avrò più molto tempo per visualizzare prima dei pasti…o per mangiare lentamente appoggiando la forchetta? Diventerà tutto più automatico con il tempo? Comunque voglio davvero ringraziarti per questo nuovo approccio che mi hai insegnato!!!!
Ogni anno oltre 1.000 nuove ricette provate per voi nella cucina di redazione. Spunti, idee e suggerimenti per divertirsi ai fornelli e preparare piatti di sicuro successo. La Cucina Italiana, recentemente rinnovata nella veste grafica, propone anche rubriche che vanno dalla scuola di cucina all’educazione alimentare dei più piccoli, dal turismo enogastronomico alle nuove tendenze.
Diverso è invece il discorso relativo alla salubrità dell’alimentazione vegana, considerata da molti esperti troppo estrema e non sostenibile dall’organismo nel lungo termine. «I vegani, sempre che siano dei consumatori consapevoli, possono anche vivere bene, a patto, però, che integrino la vitamina B12 che non è presente in nessun alimento di origine vegetale - raccomanda Miggiano -. Inoltre si raccomanda sempre di intraprendere questo tipo di alimentazione con l’aiuto di un nutrizionista, ancora meglio di un medico». Se l’obiettivo è quello di perdere peso, diventando vegani, seppur con la «promessa» di tornare onnivori una volta buttati giù i chili di troppo, bisogna far sì che non vadano persi anche i nutrienti e le vitamine essenziali all’organismo. Altrimenti il gioco non vale la candela.
Il rischio maggiore in cui si può incorrere scegliendo il vegan è quello di importanti e gravi carenze nutrizionali. Esistono alcuni nutrienti essenziali che sono prerogativa dei prodotti di origine animale quali la vitamina B-12. Possibili carenze si potranno avere anche per quanto riguarda vitamina D, proteine, acidi grassi omega-3. Fonti alternative di Vitamina B-12 e Vitamina D potranno essere: cereali fortificati; latte vegetale fortificato; lievito alimentare; alcuni sostituti della carne; integratori. Buone fonti di proteine vegetali sono: soia, tempeh, quinoa; i legumi in genere da associarsi ai cereali per ottenere un quadro amminoacidico completo. Gli omega-3 li ritroviamo in noci e semi. In linea di massima variare il più possibile l'alimentazione, colmando le eventuali carenze con l'aiuto di un integratore (parlarne sempre con proprio medico curante) permetterà di non aver alcun problema di sorta. Ma la dieta vegana necessita comunque di alcune piccole regole per massimizzare l'effetto dimagrante:

La dieta líquida es una dieta en la que sólo se permite la ingestión de líquidos como agua, tés, jugos sin azúcar, sopas y batidos. Este tipo de dieta debe mantenerse por 2 días como máximo 3, para que no ocurran carencias nutricionales y para que el metabolismo no se vuelva más lento, lo que puede causar un aumento de la acumulación de grasa en el organismo.
Il calcio è a lungo stato conosciuto per il suo ruolo nel sostenere ossa e denti forti, ma negli ultimi anni la comunità scientifica ha stabilito che questo importante minerale ha un ruolo molto più ampio. Nuove prove suggeriscono che il calcio svolge un ruolo importante nel metabolismo energetico e nella regolazione della composizione corporea e che può contribuire a ridurre il grasso corporeo e mantenere un peso ideale. Una dieta ricca di calcio è stato associato con aumentata perdita di peso / tessuto adiposo totale addominale un basso indice di massa corporea (BMI) e una circonferenza vita più breve e più bassa. Una differenza di 1 grammo di apporto giornaliero di calcio è stata associata con una differenza media nel peso corporeo di 8 kg! Inoltre, le persone che consumano medio-alte quantità di calcio (più di 6 grammi al giorno) hanno dimostrato di avere una percentuale di grasso corporeo inferiore. Le buone fonti di calcio sono il latte e altri prodotti caseari, ma anche molte verdure a foglia verde e frutti di mare.
Oltre ai cibi integrali il programma alimentare prevede dei frullati proteici. Quelli a basso contenuto di carboidrati sono ideali per piccoli pasti o spuntini, mentre quelli con un rapporto di carboidrati maggiore sono più indicati come pasti pre- e post allenamento. Ricorrete agli integratori proteici per fornire all'organismo tutti i nutrienti di cui necessitano per il mantenimento dei muscoli.
×