*Il secondo passo è modificare le proporzioni tra i macronutrienti. Modificate gradualmente ladieta in modo che l'apportocalorico provenga solo per il 40% dai carboidrati; per farlo continuando a soddisfare il fabbisogno calorico occorre ridurre l'apporto totale di carboidrati ed aumentare considerevolmente l'apporto proteico giornaliero. Personalmente consiglio di assumere 2,2 grammi di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. Tuttavia, diminuendo il consumo dei carboidrati, l'assunzione di proteine dovrebbe aumentare tra il 2,5 e 3,3 grammi per Kg di peso corporeo. >L'apporto proteico è determinato dalla diminuzione dei carboidrati nella dieta e dalla massa magra iniziale. Maggiore è la rigidità della dieta e la qualità di grasso corporeo che desiderate perdere, maggiore dovrà essere l'apporto proteico necessario per compensare la rilevante riduzione di carboidrati.
Sono diete cosiddette "low-carb", che sbilanciano le percentuali caloriche a favore di grassi e proteine, ed aumentano la già alta percentuale di cibi animali consumati in una dieta occidentale tradizionale. E' un pessimo modo di dimagrire ma un ottimo modo di aumentare a dismisura il rischio di malattie croniche. Come è possibile concepire una dieta che va dichiaratamente contro le linee guida di tutti gli istituti di nutrizione e ricerca, che invitano a ridurre il consumo di cibi animali e prodotti raffinati a favore di frutta, verdura e cibi vegetali integrali?
Os sucos, além de refrescantes, são grandes aliados da manutenção da dieta líquida. Eles ajudam na desintoxicação do organismo, tonificação da pele e proporcionam mais energia para encarar as atividades do dia a dia. Por isso, confira abaixo algumas receitas de suco para incluir nos lanches da dieta líquida ou para fazer a sua manutenção nos dias que não estiver de dieta:
PRODOTTO SPAGNOLO: Il Laboratorio Sotya, sin dalla sua creazione negli anni '70, ha come obiettivo quello di offrire ai propri clienti solamente prodotti di altissima qualità, realizzando controlli approfonditi sia sulle materie prime utilizzate sia sui prodotti finali. È leader nei prodotti perdita di peso pillole. Sotya conduce analisi microbiologiche, sui metalli pesanti e su pesticidi ed erbicidi, così come anche test d'invecchiamento accelerato. Sotya è sinonimo di qualità ed efficacia.
La secrezione di leptina può essere regolata dallo stato alimentare, infatti quando l’organismo si trova in uno stato di digiuno o di dieta molto restrittiva protratta nel tempo, lo sfruttamento di lipidi come risorsa di energia è più alto, di conseguenza si assiste a una diminuzione della secrezione di leptina e a un aumento del senso di fame: siamo quindi spinti a mangiare e le nostre scelte nutrizionali cadranno su alimenti iperpalatabili.
Definito l’esercizio da compiere, importante è sapere per quanto tempo eseguirlo. Il corpo comincia la sintesi dei lipidi per integrare energia utile dopo 20 minuti di esercizio, pertanto esercitarsi per meno di 20 minuti al giorno è inutile perché il corpo non inizia neanche la sintesi dei grassi, indipendentemente dalle calorie che il tapis roulant o la cyclette registra sul display. Dai 20 ai 30 minuti di allenamento il corpo comincia a bruciare calorie e grassi.

Mangi cibo spazzatura? Sì, anche nella dieta vegana esiste la possibilità di mangiare cibi poco salutari. Per esempio cibi industriali molto lavorati, come le patatine fritte in sacchetto, i dolci confezionati per vegani, i gelati con latte di cocco, merende con zuccheri raffinati aggiunti. In questo caso, il consiglio migliore, se si ha voglia di dolce, è quello di optare per snack freschi con frutta di stagione o per un quadratino di cioccolata fondente.

Soprattutto quando si inizia un nuovo stile alimentare, ma anche se si ha un obiettivo specifico di peso, è molto utile annotare tutti i pasti della giornata per essere sicuri di assumere tutto i macro e i micronutrienti necessari al corpo. Con l’app Runtastic Balance, si può fare in modo semplice: si cercano gli alimenti nel database e quando si aggiunge il pasto al diario alimentare, verranno anche fornite le informazioni sulla percentuale dei nutrienti che compongono il pasto, per esempio grassi, proteine e carboidrati.


Un consiglio da non sottovalutare, la modifica del rapporto dei macronutrienti deve avvenire diminuendo i carboidrati ed aumentando le proteine in modo lento e graduale, perché modificare le proporzioni molto velocemente può rivelarsi un grande errore, che rischia di causare diminuzione della massa muscolare, della forza e dalle resistenza, per non parlare poi della sensazione di deprivazione e letargia. Sebbene siano molto efficaci, i regimi alimentari a basso contenuto di carboidrati possono essere difficili da rispettare, soprattutto all'inizio.
×