fr si la garantie n’excède pas 80 % du prêt sous-jacent et que, soit le montant garanti s’élève à 112 500 EUR et la durée de la garantie est de cinq ans, soit le montant garanti s’élève à 56 250 EUR et la durée de la garantie est de dix ans; si le montant garanti est inférieur à ces montants et/ou si la garantie est accordée pour une durée inférieure à, respectivement, cinq ou dix ans, l’équivalent-subvention brut de la garantie équivaut à la fraction correspondante du plafond fixé à l’article 3, paragraphe 2; ou

La maggior parte delle persone tendono a pensare che la dieta vegetariana per la perdita di peso contiene cibi insapore e noioso. Questa è una percezione imprecisa. Ci sono una serie di ricette che si possono adattare per rendere la vostra dieta gustosa. È vantaggioso per includere tutti i nutrienti essenziali come proteine, ferro e carboidrati. Questo vi assicurerà una dieta equilibrata. Questo tipo di dieta vi aiuterà a bruciare i grassi che vedranno perdere il grasso in eccesso dal corpo. È necessario assicurarsi che è a basso contenuto di carboidrati e di essere minimo in contenuto calorico.


Dietas líquidas normalmente são indicadas para processos pré-operatórios ou pré-exames. Mas, também há pessoas que acreditam que ao se alimentarem apenas por líquidos, podem reduzir o peso. Todos tomam sucos e bebidas frequentemente, e foi com esse pensamento que essa dieta foi criada: tornar os acompanhamentos das refeições na maior parte ou totalidade da alimentação.


Le capsule contenenti fibra vegetale di glucomannano, vengono estratto dalla radice konjak. Queste capsule, prese con dell'acqua appena prima del pasto, si gonfiano moltiplicando il proprio volume. Grazie alla capacità di rigonfiamento si crea una sensazione di sazietà piacevole e duratura, e il corpo è meno soggetto a desiderio di cibo. Ecco come perdere peso senza rimanere con la fame!

Para aqueles que querem emagrecer utilizando esse método, tem que criar um plano alimentar. Existem os que trocam parte das refeições e os que trocam todos os alimentos que serão consumidos durante todo dia por líquidos. Sendo que, o valor de calorias que devem ser digeridos pelas pessoas por dia é de 2000 calorias, a dieta dos líquidos pode abaixar para 1350 a 1500, mas sempre observando que os líquidos devem conter boas taxas de sais minerais e vitaminas.
Quando si consumano carboidrati ad alto indice glicemico, lo zucchero nel sangue va in picchiata e poi si abbassa di colpo, facendo immediatamente tornare l’appetito. Al contrario, i carboidrati a basso indice glicemico permettono ai livelli di zucchero nel sangue di rimanere stabili per un periodo di tempo più lungo. Anche la pasta integrale ha un elevato contenuto di carboidrati, ma avendo un indice glicemico basso ed essendo ricca di fibre, ci mantiene sazi più a lungo.
Rimonabant: L'EMEA (Agenzia europea per i medicinali) ne ha stabilito il ritiro dell'autorizzazione al commercio il 30 gennaio 2009 dopo che il mese precedente la società farmaceutica Sanofi-Aventis aveva informato l'agenzia della sua decisione di non proseguire ulteriormente nella commercializzazione del farmaco. Un'indagine di EMEA si era conclusa affermando che i benefici del farmaco non erano superiori ai rischi connessi al suo utilizzo (gravi sindromi depressive e casi di suicidio).[4]
Infatti, esiste un detto, "tutte le diete funzionano, nessuna dieta funziona", cioè e quasi impossibile, anche calcolando tutto al millimetro, dimagrire di grasso senza intaccare sia pure una piccola parte di massa muscolare, specialmente se non si assumono steroidi. Il nostro compito sarà quindi di dimagrire cercando di perdere meno muscolo possibile, ma la cosa non è semplicissima. Ma vediamo cosa ci dice la fisiologia a proposito di grasso, per poi partire praticamente alla ricerca dell'agognata definizione. L' adipe del nostro corpo è inserito quasi totalmente in cellule specializzate, gli adipociti. Hanno una forma tondeggiante e hanno un diametro che può andare da pochi millesimi di millimetro fino a quasi 200 micron. Nel nostro tessuto sotto la pelle (il cosiddetto sottocutaneo), abbiamo uno strato di grasso formato da adipociti tanto più grandi quanto è più alta la percentuale di grasso del nostro organismo. Ognuno degli adipociti può contenere quantità variabili di grasso e si possono immaginare come tanti palloncini attaccati tra loro. Quando ci mettiamo a dieta e/o facciamo attività aerobica e cominciamo a dimagrire, molti adipociti perdono grasso, quando invece mangiamo a ruota libera e ingrassiamo, la maggior parte di queste cellule aumenta il contenuto lipidico. Purtroppo questo meccanismo è il risultato dell'adattamento alle proibitive condizioni che i nostri progenitori avevano svariate migliaia di anni fa. La scarsa disponibilità di cibo ha fatto sì che il nostro organismo abbia dotato gli adipociti di ottime capacità di aumentare il loro contenuto di grasso, ma di una scarsa propensione al rilascio. In pratica se c'è disponibilità l'adipocita "mette in cascina più fieno" (cioè più grasso) possibile, mentre anche se è costretto a rilasciarlo, lo fa molto lentamente. Ecco perché è più facile ingrassare che dimagrire. I grassi contenuti negli adipociti sono trigliceridi, cioè delle molecole formate da glicerolo e tre acidi grassi e hanno la caratteristica di non poter uscire dalla cellula adiposa senza essere prima smembrati. A questo particolare lavoro sono deputati specifici enzimi situati all'interno degli adipociti, denominati "lipolitici". In pratica i trigliceridi non possono fuoriuscire dalla cellula senza l'intervento di questi enzimi, in quanto le aperture della membrana della cellula sono più piccole della molecola di grasso intera, ma non dei singoli componenti della stessa. Quindi il nostro compito è quello di scoprire:
Alternative della latteria quale la bevanda fortificata della soia. C'è un'esigenza del completamento del calcio se non è prodotti lattier-caseario contenuti. Il calcio è necessario per le forti ed ossa e denti sani. Le buone sorgenti di calcio per i vegani includono la soia fortificata, riso ed avena, impulsi, semi di sesamo, marrone fortificato o pane bianco, frutta secca quale l'uva passa, prugne ed albicocche secche ecc.
Sibutramina: L'EMEA (European Medicines Agency) nell'agosto del 2010 ne ha stabilito il ritiro dell'autorizzazione al commercio in quanto un'indagine dell'agenzia si era conclusa affermando che i benefici del farmaco non erano superiori ai rischi connessi al suo utilizzo (aumentato numero di eventi avversi di origine cardiovascolare: infarto del miocardio, ictus cerebrale ed arresto cardiaco)[5][6]
Sibutramina: L'EMEA (European Medicines Agency) nell'agosto del 2010 ne ha stabilito il ritiro dell'autorizzazione al commercio in quanto un'indagine dell'agenzia si era conclusa affermando che i benefici del farmaco non erano superiori ai rischi connessi al suo utilizzo (aumentato numero di eventi avversi di origine cardiovascolare: infarto del miocardio, ictus cerebrale ed arresto cardiaco)[5][6]
Se i farmaci fanno aumentare in modo importante la massa muscolare, agiscono anche nello stesso devastante modo sulla definizione, quindi togliamoci dalla testa i tubi del metano sul bicipite e diamoci degli obiettivi che riguardano essenzialmente il nostro pianeta. La ricerca della giusta definizione si basa essenzialmente sull' ottimizzazione di due parametri fondamentali: nutrizione e attività aerobica.

it Su richiesta dell'esportatore e in deroga all'articolo 6, paragrafo 1, primo comma, del regolamento (CEE) n. 1964/82 della Commissione(27), che stabilisce le condizioni per la concessione di restituzioni particolari all'esportazione per talune carni bovine disossate, qualora le formalità doganali di esportazione o le formalità relative all'assoggettamento ad uno dei regimi di cui agli articoli 4 e 5 del regolamento (CEE) n. 565/80 non siano state esplatate entro il 30 giugno 1999 per il quantitativo totale di carni indicato nel titolo di cui all'articolo 4, paragrafo 1, del regolamento (CEE) n. 1964/82 rilasciato anteriormente al 30 giugno 1999, la restituzione speciale è incamerata dall'esportatore per i quantitativi esportati e immessi in consumo in un paese terzo.


Per perdere grasso corporeo, incluso il grasso addominale, si dovrà creare un deficit calorico, sia riducendo l’apporto calorico da alimenti in modo che il vostro corpo deve attingere alle riserve per l’energia (come il grasso immagazzinato nel corpo) o aumentando fisico attività. per perdere 1 chilo a settimana, è necessario creare un deficit settimanale di 3.500 calorie . Questo può essere fatto riducendo l’apporto calorico giornaliero di 500 calorie (500 calorie x 7 giorni = 3.500 calorie). La maggior parte dei professionisti della salute raccomandano la creazione di un deficit calorico di 3.500 a 7.000 a settimana per la perdita di peso sano e di successo. Un deficit estremo (un deficit di oltre 7,000-10,500 calorie a settimana) può compromettere le funzioni corporee e anche causare anomalie del ritmo cardiaco, che può essere fatale.


Le diete vegane prevedono l'eliminazione di molti cibi ricchi di grassi, colesterolo, calorie e grassi saturi. Il fatto che molti alimenti trasformati o preconfezionati contengano ingredienti di origine animale, li farà automaticamente escludere dal vegano che preferirà consumare cibi freschi e integrali. Tra i benefici associati alla dieta vegana (ma anche vegetariana), come documentato più volte dalla scienza, abbiamo: minor rischio di cancro; ridotto rischio di Attacco Ischemico Transitorio (mini-ictus); riduzione dell'infiammazione; abbassamento del colesterolo; riduzione della glicemia; ridotto rischio di diabete; riduzione del rischio di cataratta.

it Le spese per traduzione ed interpretazione, per le prestazioni informatiche, le spese relative al materiale e alle attrezzature durevoli o consumabili verranno prese in considerazione solo se e in quanto rappresentino un sostegno necessario per la realizzazione dell'azione comune e potranno ricevere un finanziamento massimo pari al 50 % della sovvenzione che può arrivare all'80 % ove ció sia indispensabile in considerazione della natura dell'azione.
Bautizada ominosamente como 'Dieta de la última oportunidad' (Last Chance Diet) porque se publicitaba como el remedio para quienes no conseguían perder peso de ninguna otra manera, quienes la pusieron en práctica vieron reducir rápidamente su masa corporal entre un 10% y un 30%. Después, sesenta personas murieron de forma súbita. Un estudio de la Food and Drugs Administration concluyó que la carencia de proteínas de calidad había debilitado sus músculos cardiacos, provocándoles arritmias.
Stai assumendo abbastanza proteine? La massa magra, composta dai muscoli, va nutrita con un giusto apporto di proteine nella nostra dieta. Anche la dieta vegana le fornisce, ma è necessario fare attenzione a includerne abbastanza su base quotidiana. Per esempio alternando ogni giorno fagioli, lenticchie, ceci e altri legumi naturalmente ricchi di proteine e variare aggiungendo alla dieta tofu, seitan e preparati di soia.
Nella ricerca, infatti, il gruppo di ricercatori della University of South Carolina ha preso in esame un campione di 50 adulti sovrappeso e li ha suddivisi casualmente in cinque gruppi, assegnando loro, per un periodo di tempo di sei mesi, cinque diversi tipi di dieta: 1) vegana, che esclude la carne, il pesce e qualsiasi prodotto di origine animale come latte e uova (e persino il miele); 2) vegetariana, che esclude la carne e il pesce, ma lascia aperte le porte ai derivati; 3) pesco-vegetariana, che permette l’assunzione di pesce e dei prodotti di origine animale; 4) semi-vegetariana, che consiste nel limitare la carne rossa a una volta la settimana e la carne bianca a un massimo di cinque volte alla settimana; 5) onnivora, che non prevede alcun tipo di restrizione.

Infatti, esiste un detto, "tutte le diete funzionano, nessuna dieta funziona", cioè e quasi impossibile, anche calcolando tutto al millimetro, dimagrire di grasso senza intaccare sia pure una piccola parte di massa muscolare, specialmente se non si assumono steroidi. Il nostro compito sarà quindi di dimagrire cercando di perdere meno muscolo possibile, ma la cosa non è semplicissima. Ma vediamo cosa ci dice la fisiologia a proposito di grasso, per poi partire praticamente alla ricerca dell'agognata definizione. L' adipe del nostro corpo è inserito quasi totalmente in cellule specializzate, gli adipociti. Hanno una forma tondeggiante e hanno un diametro che può andare da pochi millesimi di millimetro fino a quasi 200 micron. Nel nostro tessuto sotto la pelle (il cosiddetto sottocutaneo), abbiamo uno strato di grasso formato da adipociti tanto più grandi quanto è più alta la percentuale di grasso del nostro organismo. Ognuno degli adipociti può contenere quantità variabili di grasso e si possono immaginare come tanti palloncini attaccati tra loro. Quando ci mettiamo a dieta e/o facciamo attività aerobica e cominciamo a dimagrire, molti adipociti perdono grasso, quando invece mangiamo a ruota libera e ingrassiamo, la maggior parte di queste cellule aumenta il contenuto lipidico. Purtroppo questo meccanismo è il risultato dell'adattamento alle proibitive condizioni che i nostri progenitori avevano svariate migliaia di anni fa. La scarsa disponibilità di cibo ha fatto sì che il nostro organismo abbia dotato gli adipociti di ottime capacità di aumentare il loro contenuto di grasso, ma di una scarsa propensione al rilascio. In pratica se c'è disponibilità l'adipocita "mette in cascina più fieno" (cioè più grasso) possibile, mentre anche se è costretto a rilasciarlo, lo fa molto lentamente. Ecco perché è più facile ingrassare che dimagrire. I grassi contenuti negli adipociti sono trigliceridi, cioè delle molecole formate da glicerolo e tre acidi grassi e hanno la caratteristica di non poter uscire dalla cellula adiposa senza essere prima smembrati. A questo particolare lavoro sono deputati specifici enzimi situati all'interno degli adipociti, denominati "lipolitici". In pratica i trigliceridi non possono fuoriuscire dalla cellula senza l'intervento di questi enzimi, in quanto le aperture della membrana della cellula sono più piccole della molecola di grasso intera, ma non dei singoli componenti della stessa. Quindi il nostro compito è quello di scoprire:
Le verdure contengono tante fibre che aiutano a perdere peso e il loro consumo regolare può rendere una pelle luminosa. Dato che il mio matrimonio si sarebbe tenuto da lì a un mese, ho iniziato subito. Il primo giorno non è stato difficile, a colazione ho mangiato diverse varietà di frutta e verdura; per pranzo mi sono preparata e portata al lavoro un'insalata con lattuga, pomodori, carote, cetriolo, mela e una spruzzata di aceto; per cena mi sono religiosamente abbuffata di frutta. In effetti, ho mangiato come un porcellino: tanto sapevo che non sarei ingrassata. La prima settimana è passata liscia, anche se ho scoperto che la frutta non è economica come pensavo e ho avuto qualche problema al momento di andare in bagno (ci siamo capite). 
Mangi cibo spazzatura? Sì, anche nella dieta vegana esiste la possibilità di mangiare cibi poco salutari. Per esempio cibi industriali molto lavorati, come le patatine fritte in sacchetto, i dolci confezionati per vegani, i gelati con latte di cocco, merende con zuccheri raffinati aggiunti. In questo caso, il consiglio migliore, se si ha voglia di dolce, è quello di optare per snack freschi con frutta di stagione o per un quadratino di cioccolata fondente.
Questo tipo di alimentazione, che viene definita anche “dieta frugale” (quella seguita da molti ultracentenari), “è un regime di succhi, brodi, frullati, più o meno diluiti, e con più o meno fibre. Non è molto facile da seguire per chi inizia un percorso di salute o disintossicazione generale. Non è semplicissima da seguire ma i benefici sono innumerevoli, due tra tutti: riduce il lavoro digestivo e aiuta a dimagrire”, sintetizza Speranza.
*Il secondo passo è modificare le proporzioni tra i macronutrienti. Modificate gradualmente ladieta in modo che l'apportocalorico provenga solo per il 40% dai carboidrati; per farlo continuando a soddisfare il fabbisogno calorico occorre ridurre l'apporto totale di carboidrati ed aumentare considerevolmente l'apporto proteico giornaliero. Personalmente consiglio di assumere 2,2 grammi di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. Tuttavia, diminuendo il consumo dei carboidrati, l'assunzione di proteine dovrebbe aumentare tra il 2,5 e 3,3 grammi per Kg di peso corporeo. >L'apporto proteico è determinato dalla diminuzione dei carboidrati nella dieta e dalla massa magra iniziale. Maggiore è la rigidità della dieta e la qualità di grasso corporeo che desiderate perdere, maggiore dovrà essere l'apporto proteico necessario per compensare la rilevante riduzione di carboidrati.
×