Mayo Clinic nutrizionista Dr. Katherine Zeratsky ha detto che vi è la ricerca che mostra le persone che seguono una dieta vegetariana mangiare meno calorie e meno grassi rispetto ai non-vegetariani. Disse possono anche avere minore peso corporeo rispetto alla loro altezza. Ma ha anche detto che il passaggio a una dieta vegetariana non garantisce infallibile perdita di peso. "Le basi di raggiungere e mantenere un peso sano sono le stesse per tutti: Mangiare una dieta ed un sano equilibrio calorie assunte con le calorie bruciate,", ha detto Zeratsky. "I vegetariani --- come non-vegetariani --- può fare scelte alimentari poveri che contribuiscono all'aumento di peso, come le grandi porzioni di alto contenuto di grassi, cibi ad alto contenuto calorico o alimenti con nessun valore nutritivo o poco."
In un bicchiere di succo ci sono 500-600 grammi di vegetali, quindi si arriva a consumare l'equivalente di 3,5-4,2 kg di frutta e verdura al giorno. Un beneficio enorme anche in termini di "disinquinamento" dell'organismo: mangiando cibi solidi e prodotti industrialmente, si ingeriscono in media sei-sette kg di additivi chimici l'anno, mentre assumendo succhi e frullati bio si sostituisce parte del "menù di sintesi", assunto involontariamente, con prodotti naturali.
Un regime alimentare corretto infatti non dovrebbe concentrarsi unicamente sulla perdita di peso. Questo, anzi, dovrebbe essere un aspetto secondario, una piacevole conseguenza di una dieta che punta invece e innanzitutto a migliorare lo stato di salute interno dell'intero organismo, e non solo quello esteriore. Qualsiasi persona con un minimo di nozioni in nutrizione può creare un piano dietetico che permetta a chiunque di perdere peso in modo veloce, ma solo medici e professionisti esperti ed aggiornati sono in grado di concepire regimi alimentari, basati sulle più recenti scoperte scientifiche, in grado non solo di far perdere il peso in eccesso, ma soprattutto di migliorare lo stato di salute, di curare e prevenire tutte quelle malattie legate ad un alimentazione squilibrata.
*Il secondo passo è modificare le proporzioni tra i macronutrienti. Modificate gradualmente ladieta in modo che l'apportocalorico provenga solo per il 40% dai carboidrati; per farlo continuando a soddisfare il fabbisogno calorico occorre ridurre l'apporto totale di carboidrati ed aumentare considerevolmente l'apporto proteico giornaliero. Personalmente consiglio di assumere 2,2 grammi di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. Tuttavia, diminuendo il consumo dei carboidrati, l'assunzione di proteine dovrebbe aumentare tra il 2,5 e 3,3 grammi per Kg di peso corporeo. >L'apporto proteico è determinato dalla diminuzione dei carboidrati nella dieta e dalla massa magra iniziale. Maggiore è la rigidità della dieta e la qualità di grasso corporeo che desiderate perdere, maggiore dovrà essere l'apporto proteico necessario per compensare la rilevante riduzione di carboidrati.
×