Negli ultimi anni, le catechine – composti fitochimici che appaiono prevalentemente nel tè verde – hanno ricevuto una quantità enorme di attenzione per la loro capacità di aiutare a bruciare i grassi, grassi soprattutto addominale . In uno studio clinico, sono stati dati 132 adulti sovrappeso o obesi sia una bevanda contenente circa 625 milligrammi catechine e 39 milligrammi di caffeina o una bevanda contenente la stessa quantità di caffeina, ma non catechine. Tutti i soggetti sono stati invitati a seguire una dieta simile in termini di apporto calorico e di esercitare almeno tre ore alla settimana. Durante il periodo di prova di dodici settimane, entrambi i gruppi hanno perso peso; Tuttavia, la perdita di peso è stato più pronunciato in coloro che hanno consumato le catechine di coloro che hanno avuto la bevanda di controllo. Inoltre, il gruppo che ha ricevuto catechine del tè verde ha sperimentato una maggiore perdita di grasso addominale sottocutaneo. Gli effetti delle catechine del tè verde sulla composizione corporea si ritiene che il risultato di queste sostanze ” capacità di aumentare la spesa energetica e l’ossidazione dei grassi .


Oltreoceano si dice ‘Go for 5+2!’, ed è ultimamente lo slogan più popolare per apparecchiare la tavola in modo consapevole, con un occhio di riguardo per la propria salute. Innanzitutto, contando le porzioni di frutta e verdura necessarie: i nutrizionisti lo hanno finalmente stabilito, sono sette quelle da assumere ogni giorno. Meglio se cinque di ortaggi e solo due di frutta, più zuccherina, (una porzione è, ad esempio, una mela o tre albicocche) per abbassare il rischio di infarto, ictus, diabete e anche prevenire alcuni tumori come ha dimostrato un recente studio dell’University College di Londra su 65 mila persone. Un altro trend molto in voga suggerisce di fare i conti non solo nel piatto ma anche sul calendario, scegliendo almeno due giorni di digiuno o semi-digiuno la settimana e poi concedersi pasti completi ed equilibrati nei restanti cinque. Solo mode? No, le basi scientifiche ci sono e c’è anche chi, fedele al motto del ‘5+2’, sceglie addirittura di combinare i due suggerimenti dirottandosi sulla ‘dieta liquida’, uno o due giorni la settimana: frullati, succhi e centrifugati aiutano, infatti, ad assumere molti più vegetali di quelli che si riuscirebbero a masticare e deglutire in un solo pasto e facilitano la cosiddetta restrizione calorica settimanale, che sembra essere il lasciapassare di longevità anche per chi non deve perdere i chili di troppo. A patto, è bene precisarlo, che a sperimentarlo siano persone in buona salute, senza condizioni patologiche di cui occuparsi responsabilmente.
Alcuni alimenti di uso comune come il caffè, integratori ad azione noradrenergica, come la sinefrina, e l'efedrina, sembrano essere dotati di blanda azione anoressizzante. Anche alcuni eccipienti e integratori alimentari, come diverse gomme alimentari (gomma adragante, gomma di guar) e polisaccaridi quali il glucomannano, vengono comunemente usati per la loro capacità di anticipare il senso di sazietà in base ad un'azione meccanica di riempimento dello stomaco. La loro reale efficacia in senso anoressizzante non è però scientificamente accertata. Alcuni soppressori naturali dell'appetito si basano su Hoodia, un genere di 13 specie di piante della famiglia delle Apocynaceae, sottofamiglia Asclepiadoideae. Diversi soppressori dell'appetito commercializzati come preparati da banco, sono basati su un mix di ingredienti naturali, per lo più con il tè verde come base, in combinazione con altri estratti vegetali come la fucoxantina, che si trova naturalmente nelle alghe. Molte sostanze di questa classe sono spesso degli stimolatori della famiglia delle fenetilamine, molto simile a quella delle amfetamine.

Buongiorno Debora, è la prima volta che ti scrivo, ma ho da poco iniziato il percorso che suggerisci per dimagrire senza dieta e volevo un po’ raccontarti le mie impressioni. Ho 43 anni e da quando ne ho 16 mi torturo con le diete….ho un pessimo rapporto con il cibo, solo ora mi sto accorgendo che per me il cibo è sempre stato un nemico…perché mi piace troppo e nello stesso tempo perché mi fa male…ma questo mi portato ad un costante sovrappeso! Ora la mia nutrizionista, (dalla quale ho imparato moltissimo su come è bene nutrire con amore il nostro corpo) mi ha detto “basta”! Mi ha detto smetti di essere a dieta fai una pausa poi fra un po’ ne riparliamo. Allora ho rispolverato dalla libreria il tuo libro con il CD. Lo avevo comprato un paio di anni fa perché avevo fatto un mini corso in line su la pnl legata al dimagrimento…molto interessante ma dopo un paio di settimane ho lasciato perdere e ho ricominciato a mangiare velocemente e a non visualizzare più….quindi l’ennesimo insuccesso! È questo che mi fa paura…ora mi sento benissimo, da una settimana sto mangiando bene perché lo voglio io e mi voglio davvero più bene…mi sembra di avere avuto una rivelazione che mi fa vedere tutto da un altro punto di vista…ma poi??? Cosa succederà se non avrò più molto tempo per visualizzare prima dei pasti…o per mangiare lentamente appoggiando la forchetta? Diventerà tutto più automatico con il tempo? Comunque voglio davvero ringraziarti per questo nuovo approccio che mi hai insegnato!!!!
Se si desidera perdere peso è opportuno evitare bevande alcoliche. L’alcool infatti tende ad aumentare il tessuto adiposo, soprattutto nell’area centrale del corpo. Di norma è sconsigliato saltare i pasti, anche quando si sta cercando di perdere peso. Se si saltano i pasti infatti si rischia di ridurre troppo i nutrienti necessari durante il giorno. In questo modo infatti si va a perdere la massa muscolare magra e non il grasso in eccesso. Di conseguenza è opportuno consumare dei pasti regolari e costanti.
Si dovrebbe ottenere 8 porzioni al giorno. Una porzione è ½ tazza cotto grano, come la farina d’avena o di pasta, 1 oncia di cereali secchi (di solito ¾ tazza a 1 tazza), una fetta di pane, o una mezza pane pita o tortilla. La maggior parte delle ciambelle sono in realtà quattro porzioni. Otto porzioni possono sembrare molto, ma 1 tazza di farina d’avena per la prima colazione, un panino con due fette di pane per il pranzo, e una ciotola di pasta fatta con 1½ tazze di spaghetti con una fetta di pane francese incontra il tuo obiettivo a 8-serving.
Inserisci nella tua routine un digiuno di 12 ore. Non spaventarti: la maggior parte del tempo dormirai. Ridurre il tempo dei pasti a 12 ore al giorno può aiutarti a perdere peso, secondo quanto dice uno studio.[14] Dovrai sempre assumere le calorie quotidiane raccomandate per te, ma limita i pasti a un periodo di 12 ore, per esempio facendo colazione alle 7 e terminando la cena alle 19. Anche se il processo non è ancora completamento chiaro agli esperti, questo digiuno di 12 ore potrebbe spingere il tuo corpo a bruciare grassi anziché il cibo.
Frutas: escolha as que mais gostar, mas lembre-se: quanto mais frutas você colocar, mais calorias e carboidratos a vitamina terá. Por isso, escolha 1 ou 2 frutas e maneire na quantidade. Outra dica, caso opte por 2 frutas, é combinar uma que tenha pouco carboidrato com outra que tenha mais, exemplos: banana com abacate, manga com morango, entre outros;
In un processo per perdere grasso corporeo e peso, esistono due stadi: una partenza severa ed un seguito dietetico. Non si può evitare un periodo di dieta riducendo le calorie, i grassi e gli zuccheri, ma questo sarà più o meno lungo se l'aumento di peso è recente (ad esempio 6 chili in 2 anni) o differito nel tempo (10 chili in 10 anni). Non bisogna fissarsi delle ambizioni importanti, né delle restrizioni troppo severe, poiché senza risultati valorizzanti si arresta tutto.
Lo iodio è necessario per il corretto funzionamento della ghiandola tiroidea, che controlla il metabolismo basale (BMR), o il tasso a cui il corpo consuma energia a riposo. La carenza di iodio può provocare attività rallentamento della tiroide, che a sua volta può portare ad un aumento di peso o ostacolare la perdita di peso . Alimenti ricchi di iodio includono verdure di mare, pesce di mare, yogurt, latte, uova, e fragole.

fr Lorsque le degré de coopération est élevé, c’est-à-dire lorsque les producteurs-exportateurs ayant coopéré représentaient 80 % ou plus du total des exportations du produit concerné, il a été jugé approprié de fixer la marge de dumping des autres producteurs-exportateurs au niveau de la marge de dumping la plus élevée établie pour les producteurs-exportateurs du pays concerné ayant coopéré.

Nella dieta non devono mancare le proteine, quindi bisogna fare attenzione a non esagerare con la pasta vegana. Meglio ingegnarsi in cucina per inserire sia le proteine che i grassi buoni nell’alimentazione (e non solo i carboidrati). Per avere qualche idea in più, scarica l’app Runtasty e dai un’occhiata alle tantissime ricette vegane come lo smoothie banana e frutti di bosco o la zuppa di zucca e patate dolci, così saprai sempre cosa cucinare.

💌 GARANZIA E DISPONIBILITÀ: Siamo una realtà giovane e internazionale con sede a Berlino. Abbiamo a cuore la vostra felicità e la vostra soddisfazione. Per questo motivo, siamo volentieri a disposizione per qualsiasi domanda o osservazione. Contattateci nel caso non siate soddisfatti di un prodotto o vogliate dirci la vostra! Siamo sempre a disposizione per trovare la giusta soluzione!


È dimostrato che camminare faccia bene alla salute e alla linea: aiuta infatti a smaltire le calorie in eccesso. Passeggiare dai trenta ai 50 minuti è il tempo adeguato per bruciare calorie provenienti dai grassi. Una cosa che risulta fondamentale è il modo corretto di respirare. Questo perché permette un allenamento più lungo e si fatica di meno. In sintesi bisogna sincronizzare il ritmo del respiro con il cammino. Se si cammina a passo moderato su una distanza pari a circa 800 metri per dieci minuti, si bruciano già circa 35 calorie, che diventano 42 con un passo sportivo. Se si cammina per un’ora di seguito, a passo spedito, si arriverà a consumarne sino a 300. Sia i medici sia gli specialisti della salute sono concordi nell’affermare che la camminata veloce è un’ottima scelta per perdere peso. L’allenamento va eseguito con regolarità, senza perdere massa muscolare, come avviene seguendo solo una dieta dimagrante. Per smaltire i grassi è necessario far aumentare la temperatura corporea e questo accade dopo trenta minuti di training. Camminare serve a mantenere le ossa forti, stimola la funzionalità del sistema cardiovascolare e migliora il benessere psicologico.
Ci sono molti integratori di soppressione dell'appetito sul mercato; tuttavia, la maggior parte di essi non ha alcun effetto. Tutti promettono che non avrai craving e mangerai notevolmente meno, ma in realtà non fanno nulla per il tuo appetito. Fortunatamente per noi, alcuni integratori soppressori dell'appetito funzionano e tutto quello che dobbiamo fare è sapere cosa cercare.
Nella dieta non devono mancare le proteine, quindi bisogna fare attenzione a non esagerare con la pasta vegana. Meglio ingegnarsi in cucina per inserire sia le proteine che i grassi buoni nell’alimentazione (e non solo i carboidrati). Per avere qualche idea in più, scarica l’app Runtasty e dai un’occhiata alle tantissime ricette vegane come lo smoothie banana e frutti di bosco o la zuppa di zucca e patate dolci, così saprai sempre cosa cucinare.
I ricercatori del Physicians Committee for Responsible Medicine hanno analizzato le reazioni di 74 pazienti con diabete di tipo 2: alcuni seguivano una dieta vegetariana, altri una normale dieta che prevedeva l'assunzione di poche calorie. Dopo sei mesi, i vegetariani avevano perso in media 6,2 kg, mentre gli altri circa 3,2 kg. Entrambe le diete sono risultati efficaci per ridurre il tessuto adiposo sottocutaneo, ma quella vegetariana ha ridotto maggiormente la massa grassa.
Il risultato? Oltre il 90% delle persone che seguono una dieta riacquistano tutto il peso perso in poco tempo, aggiungendo anche qualche chilo in più. Infatti i piani dietetici low-carb e in genere quelli di bassa qualità provocano un rallentamento del metabolismo, che è un insieme di processi biochimici che avvengono nel corpo umano e scandisce il ritmo al quale una persona consuma le calorie introdotte. Dopo un periodo di dieta ipocalorica il corpo rallenta il metabolismo, per preservare le riserve e facilitare la sopravvivenza in condizione di scarsità, in questo caso di cibo. Quando si torna alla dieta normale, e si aumenta l'apporto calorico, il metabolismo rallentato non sarà in grado di consumare tutte le calorie introdotte, che concorreranno ad aumentare il vostro peso, aggiungendo più chili rispetto al peso prima della dieta.
Per perdere massa grassa è indispensabile cambiare l’alimentazione, svolgere attività fisica e cambiare lo stile di vita. È importante mentre si segue la dieta dimagrante fare attività fisica in modo da aiutare il corpo a conservare la massa muscolare magra. Poi è bene sottolineare che non esistono trucchi o delle diete particolari per perdere grasso dal corpo velocemente, ma si tratta di un lavoro difficile, che impone costanza. Il miglior metodo è quello di perdere il tessuto adiposo dimagrendo molto lentamente e con un lasso di tempo più lungo. La soluzione? Seguire un’alimentazione corretta, attività fisica e ridurre il grasso corporeo senza perdere la massa muscolare magra.

fr 1 Par requête déposée au greffe de la Cour le 13 décembre 1988, la Commission des Communautés européennes a introduit, en vertu de l' article 169 du traité CEE, un recours visant à faire constater que la République fédérale d' Allemagne, en n' ayant pas arrêté toutes les dispositions législatives, réglementaires et administratives nécessaires pour assurer la transposition complète en droit interne de la directive 80/779/CEE du Conseil, du 15 juillet 1980, concernant des valeurs limites et des valeurs guides de qualité atmosphérique pour l' anhydride sulfureux et les particules en suspension ( JO L 229, p . 30 ), a manqué aux obligations qui lui incombent en vertu du traité CEE .
Vi sono diversi miti da sfatare relativamente alla possibilità di perdere peso in modo rapido: se si effettuano diete alimentari drastiche il rischio è di perdere massa magra (muscolo) per attingere alle riserve di “grasso” accumulate; nel breve periodo il risultato è visibile, ma si recuperano i chili persi in un batter d’occhio; al contrario agire solo sulla massa grassa, con estenuanti sedute in palestra contribuisce a dare forma al muscolo senza bruciare effettivamente calorie. Cosa fare dunque? Il segreto è tutto nel proprio metabolismo. Ciò che occorre allenare è il metabolismo: paradossalmente meno si mangia, più il metabolismo si impigrisce e meno calorie si bruciano, ma mangiare più spesso non significa “abbuffarsi” spesso, occorre controllare le quantità, mangiare di tutto – dai carboidrati alle proteine – ma in quantità ridotte. Ecco, dunque, una serie di suggerimenti su come perdere massa grassa rapidamente e mantenere la linea nel tempo:

fr RÈGLEMENT (CEE) No 3560/80 DU CONSEIL du 22 décembre 1980 concernant l'application de la décision no 3/80 du comité mixte CEE-Autriche modifiant le protocole no 3 relatif à la définition de la notion de «produits originaires» et aux méthodes de coopération administrative de manière à prendre en compte l'adhésion de la République hellénique à la Communauté
Quando parliamo di perdita di peso, un’altra famosa, quanto errata, concezione è quella che bisogna eliminare tutti i carboidrati per ridurre il grasso corporeo. SBAGLIATISSIMO! Se desideri perdere il grasso in eccesso, non arrestando comunque lo sviluppo dei tuoi muscoli, dovrai per forza mangiare una buona dose di carboidrati. Sono la principale fonte energetica del corpo e hanno un ruolo importante nella regolazione dell’insulina (ormone anabolico).
×