Per perdere peso con una dieta vegetariana bisogna distribuire gli alimenti nell’arco della giornata tenendo conto che i carboidrati, principale fonte di energia, vanno consumati principalmente nella prima parte della giornata. La frutta non va mangiata più di due volte al giorno e gli attacchi di fame si possono affrontare con verdure crude, 2 o 3 noci, una limonata casalinga.
I grassi trans, ancora un altro tipo di grasso, dovrebbero essere completamente eliminati dalla dieta. Questi grassi sono formati in un processo chimico che i produttori di alimenti utilizzano per trasformare oli liquidi in grassi solidi e per aumentare la durata di conservazione di alimenti. Essi sono più spesso si trovano nei cibi fritti, accorciamenti vegetali, margarina duro, biscotti, crackers, patatine e prodotti da forno. In aggiunta agli altri loro effetti negativi sulla salute, grassi trans possono portare a un più alto peso complessivo del corpo, anche quando l’apporto calorico totale è controllato . In uno studio su animali, le scimmie di sesso maschile sono stati alimentati sia una dieta di tipo occidentale contenenti grassi trans o una dieta che conteneva grassi monoinsaturi come l’olio d’oliva. Tutte le scimmie hanno ricevuto la stessa, modesta quantità di calorie. Le scimmie che mangiavano grassi trans hanno avuto un aumento del 7,2 per cento del peso corporeo, rispetto ad un aumento del 1,8 per cento nelle scimmie che sono stati alimentati grassi monoinsaturi.
Iniziamo a capire quali possono essere i reali vantaggi per l'organismo di un periodo di 7 giorni seguendo una dieta liquida a base di vegetali (frutta, verdure, legumi, radici) e acqua. "Così facendo non si otterrà solo un sicuro dimagrimento: la dieta detox liquida permette infatti di depurarsi, facilita l’eliminazione delle tossine e dei liquidi in eccesso, con beneficio per problemi di cellulite e per la circolazione (addio gambe gonfie!). Inoltre aiuta a ripristinare i valori di molti parametri metabolici, ad esempio nel caso siano borderline o alterati”.
Per la cena si può optare anche per una frittata “light”, che si può preparare senza grassi (per esempio cuocendola in forno) e utilizzando soltanto gli albumi e naturalmente tante verdure. Vellutate e minestre sono ideali per la cena e il brodo di verdure è una miniera di sali minerali. Una fettina di pane integrale e formaggio spalmabile con meno del 5% di grassi concludono il menù.
fr rappelle sa résolution du 25 novembre 2010 sur la situation au Sahara occidental; dénonce la poursuite de la répression contre la population sahraouie des territoires occupés et demande le respect de ses droits fondamentaux, notamment la liberté d'association, d'expression et de manifestation; demande la libération des 80 prisonniers politiques sahraouis, en priorité les 23 personnes détenues sans jugement depuis novembre 2010 à la prison de Salé suite au démantèlement du camp de Gdeim Izik; renouvelle sa demande de la mise en place d'un mécanisme international pour la surveillance des droits de l'homme au Sahara occidental et d'une solution juste et durable au conflit fondée sur le droit à l'autodétermination du peuple sahraoui conformément aux résolutions des Nations unies;
In contesti ipocalorici, quindi generalmente ipoglucidici, anche il fegato svolge un ruolo regolatorio, però rispetto alla leptina ha un effetto più a breve termine: si ricordi infatti, che questo organo deposita glucosio sotto forma di glicogeno per una quantità di circa 100-110 grammi. Quando questa quantità viene depauperata si assiste quindi a un aumento dei processi catabolici del nostro organismo.
Latto-vegetarianesimo, noto anche come ovo-latto-vegetarianesimo. Secondo le linee guida, questa dieta è considerata la forma meno restrittiva di vegetarianesimo. Consiste nella rigida esclusione dalla dieta dei seguenti prodotti: carne, pollame, pesce, frutti di mare. Tuttavia, essa consente il consumo di altri prodotti di origine animale, quali uova, latte, prodotti lattiero-caseari e miele. Sebbene il consumo di prodotti lattiero-caseari sia consentito, si tratta di un argomento discutibile. Il latte contiene un enzima chiamato caglio, sottoprodotto della macellazione del bestiame. I vegetariani dovrebbero pertanto prestare particolare attenzione alle etichette dei prodotti che acquistano. Se sulla confezione è indicato il caglio, non dovrebbero acquistare tali prodotti. A causa della grande varietà di proteine animali nella dieta di latto-vegetariani, sembra relativamente facile bilanciare la dieta.

Così facendo, sarai in grado di stabilire degli obiettivi raggiungibili e scoprire i punti deboli del tuo piano d’allenamento. All’inizio del nuovo programma e poi ogni due settimane, cerca di farti fotografie e misurare le parti del tuo corpo: visualizzando e registrando i tuoi cambiamenti fisici, potrai notare i tuoi miglioramenti e diventare più motivato ogni settimana che passa!


Si dovrebbe ottenere 8 porzioni al giorno. Una porzione è ½ tazza cotto grano, come la farina d’avena o di pasta, 1 oncia di cereali secchi (di solito ¾ tazza a 1 tazza), una fetta di pane, o una mezza pane pita o tortilla. La maggior parte delle ciambelle sono in realtà quattro porzioni. Otto porzioni possono sembrare molto, ma 1 tazza di farina d’avena per la prima colazione, un panino con due fette di pane per il pranzo, e una ciotola di pasta fatta con 1½ tazze di spaghetti con una fetta di pane francese incontra il tuo obiettivo a 8-serving.
Non perdi peso perché’ la tua dieta e’ troppo ricca di carboidrati (ma lo sai che le verdure sono pur sempre zucchero, in particolare carboidrati a basso indice glicemico, alcuni frutti hanno un indice glicemico alto, e le patate addirittura altissssimo?), non torturarti con un fai da te masochistico e infruttuoso ed affidati ad un bravo nutrizionista, meglio se vegetariano e preparato e vedrai che otterrai ottimi risultati sia per la salute che per il peso! No mollare e documentati finche’ troverai un bravo e serio esperto che ti accompagnera’ in un percorso che comunque non potra’ essere breve e veloce!

Tostare il cuscus in una padella per 10 minuti, unirvi il brodo bollente, coprire e lasciare gonfiare. Tritare il porro con tre rametti di menta e due di timo e farlo stufare con due cucchiai di olio e uno di acqua. Unire al composto le carote e sedano tritati e un cucchiaio di acqua e lasciarla evaporare. Togliere dal fuoco il composto di verdure e unirlo al cuscus.


Dallo studio emerge, dunque, che non c’è bisogno di eliminare i tanto temuti carboidrati, quando vogliamo dimagrire. «Non è scritto da nessuna parte che una dieta ipocalorica bilanciata debba escluderli», chiarisce Giacinto Miggiano, direttore del Centro di ricerche in nutrizione umana al Policlinico Gemelli di Roma. «I nostri organi, incluso il cervello, hanno bisogno del glucosio, che il corpo assume proprio dai carboidrati. Quello che si consiglia durante una dieta, di conseguenza, è ridurre il loro consumo e distribuirli meglio nell’arco della giornata».

Fai un allenamento di resistenza. Fare un po' di sollevamento pesi aiuta a formare una buona muscolatura e ad accresce il metabolismo per un periodo lungo, aiutandoti a perdere grassi. Se non ti sei mai dedicato a questa attività, inizia iscrivendoti in palestra e chiedendo a un allenatore di aiutarti e consigliarti alcuni esercizi per cominciare. Ricorda questi consigli:
×