Durante una perdita di peso, avendo come riferimento le percentuali di massa magra e di massa grassa, si dimagrisce quando la percentuale del peso perso relativa alla massa grassa è maggiore (numericamente) della percentuale di massa grassa e quando la percentuale del peso perso relativa alla massa magra è inferiore alla percentuale di massa magra.

Durante un regime alimentare ipocalorico è bene affidarsi a uno specialista e seguire uno schema alimentare bilanciato che permetta di eliminare nei giusti tempi l’eccesso di grasso. Dimagrire significa perdere l’eccesso di grasso corporeo mantenendo la massa magra, cioè la massa muscolare, insieme a un corretto stato di idratazione, spiega la dottoressa Raffaella Cancello, nutrizionista presso il Dipartimento di Scienze mediche e riabilitative ad indirizzo endocrino e metabolico dell’Istituito Auxologico di Milano. Quando compare la pancia il consiglio pratico è di stare attenti ai grassi (insaccati, salse, formaggi, ecc.) e ai grassi nascosti, per esempio, nei prodotti confezionati in vendita al supermercato. Meglio verificare l’etichetta e scegliere i prodotti che abbiamo un contenuto di grassi al massimo del 12% e non superiore, continua la dottoressa.

In un recente articolo apparso su verywell.com si legge che è tutta una questione di calorie. In media, un vegetariano consuma circa 500 calorie in meno rispetto a un carnivoro pur mangiando di più. Una dieta vegetariana sana, infatti, è composta da molti carboidrati complessi, ricchi di fibre, ma poveri di grassi e calorie. Se un taglio di 3.500 calorie equivale a un chilo perso si fa presto a capire che 500 calorie in meno al giorno portano a una perdita di un chilo in una settimana.


Questo un esempio quotidiano di menu consigliato per una dieta anti grasso: per la prima colazione, mangiate due fette di melone e due sandwich con petto di tacchino. A pranzo un bel piatto di lattuga, una scatoletta di tonno al naturale e un piatto di purè di patate. Per merenda va bene il latte parzialmente scremato con cereali integrali, lo yogurt magro oppure un po’ di frutta, mentre a cena è ottimo un petto di pollo sgrassato, carote, due pomodori e lattuga.
Rimonabant: L'EMEA (Agenzia europea per i medicinali) ne ha stabilito il ritiro dell'autorizzazione al commercio il 30 gennaio 2009 dopo che il mese precedente la società farmaceutica Sanofi-Aventis aveva informato l'agenzia della sua decisione di non proseguire ulteriormente nella commercializzazione del farmaco. Un'indagine di EMEA si era conclusa affermando che i benefici del farmaco non erano superiori ai rischi connessi al suo utilizzo (gravi sindromi depressive e casi di suicidio).[4]
Quel che conta, però, è comporre le bevande vegetali in maniera tale che diano il giusto sostentamento e non ci facciano sentire deboli, demotivate o nervose durante l'arco della giornata. Spiega l'esperta: "consiglio di differenziare le bevande durante la giornata. Divertitevi a inventarne di ogni genere, usando frutta e verdura di stagione, anche insieme, e aggiungendo radici benefiche ed energizzanti come zenzero e ginseng. L’utilizzo dei legumi nelle passate, inoltre, vi permette di ottenere le proteine vegetali, molto importanti, e i carboidrati complessi di cui l'organismo necessita. L’obiettivo è quello di introdurre tutti i nutrienti in modo equilibrato, cosa non sempre facile da realizzare soprattutto visto che per una settimana si escluderà carne e pesce. Per questa ragione si può ricorrere, durante la settimana, a drink già preparati, contenenti aminoacidi vegetali e proteine”.

Non è solo la pressione della prova costume a invitare in questa stagione a dedicarsi a una dieta liquida: durante i mesi primaverili il nostro organismo ha bisogno di rinnovarsi e prepararsi ai primi caldi estivi libero da tossine, impurità e chiletti di troppo. Per questa ragione fare almeno un periodo di regime alimentare light, meglio ancora se allo stato liquido, può essere una vera panacea. Abbiamo chiesto a Giulia Sturabotti, specialista in igiene e medicina preventiva e consulente Tisanoreica, di darci qualche indicazione affinché la dieta detox liquida sia un successo.


Disclaimer: While we work to ensure that product information on our website is correct, on occasion manufacturers may alter their ingredient lists. Actual product packaging and materials may contain more and/or different information than that shown on our website. All information about the products on our website is provided for information purposes only. We recommend that you do not solely rely on the information presented on our website. Please always read the labels, warnings, and directions provided with the product before using or consuming a product. In the event of any safety concerns or for any other information about a product please carefully read any instructions provided on the label or packaging and contact the manufacturer. Content on this site is not intended to substitute for advice given by medical practitioner, pharmacist, or other licensed health-care professional. Contact your health-care provider immediately if you suspect that you have a medical problem. Information and statements about products are not intended to be used to diagnose, treat, cure, or prevent any disease or health condition. Amazon.co.uk accepts no liability for inaccuracies or misstatements about products by manufacturers or other third parties. This does not affect your statutory rights.


Personally Identifiable Information. Each time you provide or transmit information via the Site or speak with a customer service representative on the phone, We may obtain personal information from you, including: "Contact Data" (e.g., email address, name, address, telephone number(s), and carrier); "Financial Data" (e.g., credit or debit card number, expiration date, verification code, and bank account information); and "Demographic and Legal Data"(e.g., sex, age, zip code, other survey data, and social security number) (collectively, "Personal Information").
Advertiser cookies and web beacons. Advertising agencies, advertising networks, and other companies who place advertisements on the websites and on the internet generally may use their own cookies, web beacons, and other technology to collect information about individuals. Company does not control the use of such technology and Company has no responsibility for the use of such technology to gather information about you.
monito sulle scelte alimentari più estreme. In una fase in cui in Italia (dati Eurispes) si contano 3,8 milioni di vegetariani e 400 mila vegani. "Il rischio di regimi così stretti come quello vegano che esclude anche uova e latte è che portino a carenze di alcuni nutritenti essenziali - rileva Mario Zappia, direttore della Clinica neurologica del Policlinico dell'università di Catania - Circa il 50% dei vegani ha bassi livelli plasmatici di vitamina B12. Disfunzioni neurologiche si manifestano quando, in seguito al diminuito introito alimentare di questa vitamina, i depositi corporei si esauriscono. Un ritardo di 5-10 anni può separare l'inizio di una dieta estrema dall'insorgenza dei disturbi neurologici".

Oltre ai cibi integrali il programma alimentare prevede dei frullati proteici. Quelli a basso contenuto di carboidrati sono ideali per piccoli pasti o spuntini, mentre quelli con un rapporto di carboidrati maggiore sono più indicati come pasti pre- e post allenamento. Ricorrete agli integratori proteici per fornire all'organismo tutti i nutrienti di cui necessitano per il mantenimento dei muscoli.

×