Diverso è invece il discorso relativo alla salubrità dell’alimentazione vegana, considerata da molti esperti troppo estrema e non sostenibile dall’organismo nel lungo termine. «I vegani, sempre che siano dei consumatori consapevoli, possono anche vivere bene, a patto, però, che integrino la vitamina B12 che non è presente in nessun alimento di origine vegetale - raccomanda Miggiano -. Inoltre si raccomanda sempre di intraprendere questo tipo di alimentazione con l’aiuto di un nutrizionista, ancora meglio di un medico». Se l’obiettivo è quello di perdere peso, diventando vegani, seppur con la «promessa» di tornare onnivori una volta buttati giù i chili di troppo, bisogna far sì che non vadano persi anche i nutrienti e le vitamine essenziali all’organismo. Altrimenti il gioco non vale la candela.

L’alcol è molto elevato in calorie: 7 calorie per grammo, quasi quanti in un grammo di grasso. La maggior parte degli alcoli indigested è convertito in acetato dal fegato, che viene poi rilasciato nel flusso sanguigno. Studi hanno dimostrato che acetato è utilizzato dal corpo in preferenza rispetto ad altri combustibili, in particolare grassi, mettendo così un freno efficace perdita di grasso addominale. Inoltre, una bevanda alcolica o prima o durante un pasto, ha dimostrato di aumentare l’apporto calorico al pasto, probabilmente a causa del appetito promuovere effetti dell’alcol.
fr considérant que l'article 3 du règlement (CEE) no 2763/75 prévoit la prolongation des contrats de stockage dans des conditions à définir; que le règlement (CEE) no 1092/80 de la Commission, du 2 mai 1980, portant modalités d'application de l'octroi d'aides au stockage privé de la viande de porc (7), modifié par le règlement (CEE) no 201/85 (8), prévoit dans son article 3 paragraphe 1 point f) que les contrats de stockage doivent comporter une indication que la durée de stockage peut être réduite ou prolongée;
it considerando che il regolamento (CEE) n. 2210/80 del Consiglio, del 27 giugno 1980, relativo alla conclusione dell'accordo tra la Comunità economica europea e il governo della Svezia, concernente talune misure volte a promuovere la riproduzione dei salmoni nel Mar Baltico (1), prevede che il contributo comunitario sia pari alle spese effettive sostenute dalle autorità svedesi per allevare, classificare e mettere in libertà la quantità di giovani salmoni necessaria a produrre una riserva di salmoni pari al contingente non reciproco assegnato alla Comunità nella zona di pesca svedese per l'anno durante il quale deve essere pagato il contributo finanziario;

La maggior parte delle persone che decide di diventare vegetariana lo fa perlopiù per ragioni etiche. Escludendo la carne dalla propria dieta, infatti, si nuoce meno nell'ambiente e non si è più coinvolti nella sofferenza degli animali. Seguono le ragioni salutistiche dovute al fatto che a volte gli animali sono trattati con ormoni e antibiotici. Lato etico o salutistico a parte, molti si chiedono se la dieta vegetariana sia anche dimagrante.
Il veganesimo è uno stile di vita: decidere di escludere dalla propria dieta qualsiasi alimento di origine animale (comprese uova, formaggi, persino il miele [VIDEO], etc.) è normalmente prima di tutto una scelta etica, fatta per delle ragioni ben precise e radicate e non per seguire la moda del momento. Poi c'è il vegano salutista (talvolta anche animalista, ma non è detto), ovvero colui che in maniera altrettanto ponderata desidera accogliere quelli che sono i tanti benefici innegabili della dieta vegana.
fr En 2001, la Commission des Communautés européennes a impulsé une réforme de la directive 80/987 (10) afin de refléter les avancées de la jurisprudence établie par les arrêts Mosbæk ainsi que Everson et Barrass (11), reconnaissant que «l’absence d’une disposition explicite [...] qui détermine l’institution de garantie compétente pour le paiement des créances salariales dans des cas d’insolvabilité d’entreprises disposant d’établissements dans différents États membres a été ressentie comme une source d’insécurité juridique» (12).
!function(n,t){function r(e,n){return Object.prototype.hasOwnProperty.call(e,n)}function i(e){return void 0===e}if(n){var o={},s=n.TraceKit,u=[].slice,a="?";o.noConflict=function(){return n.TraceKit=s,o},o.wrap=function(e){function n(){try{return e.apply(this,arguments)}catch(e){throw o.report(e),e}}return n},o.report=function(){function e(e){a(),h.push(e)}function t(e){for(var n=h.length-1;n>=0;--n)h[n]===e&&h.splice(n,1)}function i(e,n){var t=null;if(!n||o.collectWindowErrors){for(var i in h)if(r(h,i))try{h[i].apply(null,[e].concat(u.call(arguments,2)))}catch(e){t=e}if(t)throw t}}function s(e,n,t,r,s){var u=null;if(w)o.computeStackTrace.augmentStackTraceWithInitialElement(w,n,t,e),l();else if(s)u=o.computeStackTrace(s),i(u,!0);else{var a={url:n,line:t,column:r};a.func=o.computeStackTrace.guessFunctionName(a.url,a.line),a.context=o.computeStackTrace.gatherContext(a.url,a.line),u={mode:"onerror",message:e,stack:[a]},i(u,!0)}return!!f&&f.apply(this,arguments)}function a(){!0!==d&&(f=n.onerror,n.onerror=s,d=!0)}function l(){var e=w,n=p;p=null,w=null,m=null,i.apply(null,[e,!1].concat(n))}function c(e){if(w){if(m===e)return;l()}var t=o.computeStackTrace(e);throw w=t,m=e,p=u.call(arguments,1),n.setTimeout(function(){m===e&&l()},t.incomplete?2e3:0),e}var f,d,h=[],p=null,m=null,w=null;return c.subscribe=e,c.unsubscribe=t,c}(),o.computeStackTrace=function(){function e(e){if(!o.remoteFetching)return"";try{var t=function(){try{return new n.XMLHttpRequest}catch(e){return new n.ActiveXObject("Microsoft.XMLHTTP")}},r=t();return r.open("GET",e,!1),r.send(""),r.responseText}catch(e){return""}}function t(t){if("string"!=typeof t)return[];if(!r(j,t)){var i="",o="";try{o=n.document.domain}catch(e){}var s=/(.*)\:\/\/([^:\/]+)([:\d]*)\/{0,1}([\s\S]*)/.exec(t);s&&s[2]===o&&(i=e(t)),j[t]=i?i.split("\n"):[]}return j[t]}function s(e,n){var r,o=/function ([^(]*)\(([^)]*)\)/,s=/['"]?([0-9A-Za-z$_]+)['"]?\s*[:=]\s*(function|eval|new Function)/,u="",l=10,c=t(e);if(!c.length)return a;for(var f=0;f0?s:null}function l(e){return e.replace(/[\-\[\]{}()*+?.,\\\^$|#]/g,"\\$&")}function c(e){return l(e).replace("<","(?:<|<)").replace(">","(?:>|>)").replace("&","(?:&|&)").replace('"','(?:"|")').replace(/\s+/g,"\\s+")}function f(e,n){for(var r,i,o=0,s=n.length;or&&(i=s.exec(o[r]))?i.index:null}function h(e){if(!i(n&&n.document)){for(var t,r,o,s,u=[n.location.href],a=n.document.getElementsByTagName("script"),d=""+e,h=/^function(?:\s+([\w$]+))?\s*\(([\w\s,]*)\)\s*\{\s*(\S[\s\S]*\S)\s*\}\s*$/,p=/^function on([\w$]+)\s*\(event\)\s*\{\s*(\S[\s\S]*\S)\s*\}\s*$/,m=0;m]+)>|([^\)]+))\((.*)\))? in (.*):\s*$/i,o=n.split("\n"),a=[],l=0;l=0&&(g.line=v+x.substring(0,j).split("\n").length)}}}else if(o=d.exec(i[y])){var _=n.location.href.replace(/#.*$/,""),T=new RegExp(c(i[y+1])),E=f(T,[_]);g={url:_,func:"",args:[],line:E?E.line:o[1],column:null}}if(g){g.func||(g.func=s(g.url,g.line));var k=u(g.url,g.line),A=k?k[Math.floor(k.length/2)]:null;k&&A.replace(/^\s*/,"")===i[y+1].replace(/^\s*/,"")?g.context=k:g.context=[i[y+1]],h.push(g)}}return h.length?{mode:"multiline",name:e.name,message:i[0],stack:h}:null}function y(e,n,t,r){var i={url:n,line:t};if(i.url&&i.line){e.incomplete=!1,i.func||(i.func=s(i.url,i.line)),i.context||(i.context=u(i.url,i.line));var o=/ '([^']+)' /.exec(r);if(o&&(i.column=d(o[1],i.url,i.line)),e.stack.length>0&&e.stack[0].url===i.url){if(e.stack[0].line===i.line)return!1;if(!e.stack[0].line&&e.stack[0].func===i.func)return e.stack[0].line=i.line,e.stack[0].context=i.context,!1}return e.stack.unshift(i),e.partial=!0,!0}return e.incomplete=!0,!1}function g(e,n){for(var t,r,i,u=/function\s+([_$a-zA-Z\xA0-\uFFFF][_$a-zA-Z0-9\xA0-\uFFFF]*)?\s*\(/i,l=[],c={},f=!1,p=g.caller;p&&!f;p=p.caller)if(p!==v&&p!==o.report){if(r={url:null,func:a,args:[],line:null,column:null},p.name?r.func=p.name:(t=u.exec(p.toString()))&&(r.func=t[1]),"undefined"==typeof r.func)try{r.func=t.input.substring(0,t.input.indexOf("{"))}catch(e){}if(i=h(p)){r.url=i.url,r.line=i.line,r.func===a&&(r.func=s(r.url,r.line));var m=/ '([^']+)' /.exec(e.message||e.description);m&&(r.column=d(m[1],i.url,i.line))}c[""+p]?f=!0:c[""+p]=!0,l.push(r)}n&&l.splice(0,n);var w={mode:"callers",name:e.name,message:e.message,stack:l};return y(w,e.sourceURL||e.fileName,e.line||e.lineNumber,e.message||e.description),w}function v(e,n){var t=null;n=null==n?0:+n;try{if(t=m(e))return t}catch(e){if(x)throw e}try{if(t=p(e))return t}catch(e){if(x)throw e}try{if(t=w(e))return t}catch(e){if(x)throw e}try{if(t=g(e,n+1))return t}catch(e){if(x)throw e}return{mode:"failed"}}function b(e){e=1+(null==e?0:+e);try{throw new Error}catch(n){return v(n,e+1)}}var x=!1,j={};return v.augmentStackTraceWithInitialElement=y,v.guessFunctionName=s,v.gatherContext=u,v.ofCaller=b,v.getSource=t,v}(),o.extendToAsynchronousCallbacks=function(){var e=function(e){var t=n[e];n[e]=function(){var e=u.call(arguments),n=e[0];return"function"==typeof n&&(e[0]=o.wrap(n)),t.apply?t.apply(this,e):t(e[0],e[1])}};e("setTimeout"),e("setInterval")},o.remoteFetching||(o.remoteFetching=!0),o.collectWindowErrors||(o.collectWindowErrors=!0),(!o.linesOfContext||o.linesOfContext<1)&&(o.linesOfContext=11),void 0!==e&&e.exports&&n.module!==e?e.exports=o:"function"==typeof define&&define.amd?define("TraceKit",[],o):n.TraceKit=o}}("undefined"!=typeof window?window:global)},"./webpack-loaders/expose-loader/index.js?require!./shared/require-global.js":function(e,n,t){(function(n){e.exports=n.require=t("./shared/require-global.js")}).call(n,t("../../../lib/node_modules/webpack/buildin/global.js"))}});
Non è solo la pressione della prova costume a invitare in questa stagione a dedicarsi a una dieta liquida: durante i mesi primaverili il nostro organismo ha bisogno di rinnovarsi e prepararsi ai primi caldi estivi libero da tossine, impurità e chiletti di troppo. Per questa ragione fare almeno un periodo di regime alimentare light, meglio ancora se allo stato liquido, può essere una vera panacea. Abbiamo chiesto a Giulia Sturabotti, specialista in igiene e medicina preventiva e consulente Tisanoreica, di darci qualche indicazione affinché la dieta detox liquida sia un successo.
Garanzia e recesso: Se vuoi restituire un prodotto entro 30 giorni dal ricevimento perché hai cambiato idea, consulta la nostra pagina d'aiuto sul Diritto di Recesso. Se hai ricevuto un prodotto difettoso o danneggiato consulta la nostra pagina d'aiuto sulla Garanzia Legale. Per informazioni specifiche sugli acquisti effettuati su Marketplace consulta… Maggiori informazioni
All’ora di pranzo si può scegliere per verdure diverse ogni giorno, abbinate con aromi freschi e profumati. Per non annoiarsi a tavola è importante variare soprattutto le consistenze: peperoni, melanzane e zucchine grigliate, la delicatezza delle puree di broccoli romaneschi, cavolfiori o zucca, la croccantezza delle cruditée (sedano, cipollotti, rapanelli, germogli, cetrioli, insalate).
La lista delle ricette è infinita, con un pizzico di creatività si può frullare e centrifugare di tutto. I fanatici del benessere vi aggiungono anche integratori (i cosiddetti booster come estratti in polvere di alghe, tè verde, antiossidanti), i più golosi si limitano a soddisfare le esigenze del palato con combinazioni più dolci. C’è quello depurativo, anticellulite, rigenerante, dimagrante, quello che rinforza le difese immunitarie, quello che sgonfia e altri ancora, così colorati e invitanti da farci pensare che solo a berli ne trarremo beneficio. La passione per gli smoothies, questo il nome moderno dei beveroni a base di frutta e verdura frullate in acqua, latte o yogurt, non deve però fuorviarci: la realtà è che non esiste un elisir salutare per eccellenza. Il valore di una dieta liquida è piuttosto racchiuso nell’apporto di micronutrienti essenziali per far funzionare al meglio il nostro organismo, allontanandoci da possibili deficit nutrizionali. Alla base, però, ci deve essere una dieta quotidiana che metta in tavola, ogni giorno, una grande varietà di alimenti, limitando il consumo di grassi, le bibite zuccherate e gli alcolici. Succhi, spremute e frullati possono essere, ad esempio, un valido stratagemma per convincere i bambini ad assumere le tanto detestate verdure sotto un’altra forma, mitigandone il sapore. Oppure una scelta dettata dal caldo, quando sotto l’ombrellone non vogliamo appesantirci e sentiamo l’esigenza di rinfrescarci e idratarci. Nessun ruolo depurativo in senso stretto: in assenza di patologie e quando ci alimentiamo in modo corretto, i nostri fegato e reni assolvono il loro dovere di eliminare i rifiuti delle attività metaboliche.
Ciao, lascia perdere l’aerobica che con regimi a bassi carbo è controproducente e concentrati su allenamenti contro resistenze caratterizzati da esercizi multi-articolari base. Il consiglio che ti do è di continuare con un regime paleo (non simil) in cui frutta e verdura sono sempre presenti in modo tale da non essere mai a zero quota zero con i glucidi. E’ importante abbinare anche l’integrazione di sostanze chiave come vitamina D e omega 3. Ti consiglio anche la lettura di questo articolo -> https://fisicodaspartano.com/blog/definirsi-velocemente/
También es posible que necesite seguir una dieta líquida completa por un tiempo después de haberse sometido a una cirugía en el estómago o el intestino. Igualmente, puede ser que necesite hacer esta dieta si está teniendo problemas para tragar o masticar. Si se le receta esta dieta debido a disfagia (problemas para tragar), su patólogo del habla le dará más instrucciones específicas. En ocasiones la dieta líquida completa es un paso entre una dieta de líquidos claros y volver a su dieta regular.
  ОRDINA  Sbarazzarsi di 10 kg e più senza smagliature? С'è un mоdо migliоre!   L'effiсaсia degli integratоri dimagranti. Esperti e nutriziоnisti, i prо e i соntrо  È pоssibile dimagrire e nоn reсuperare più i сhili persi? Eссо dei соnsigli su соme fare  Metоdi express per сhi deve trasfоrmarsi in pосо tempо. Quel maledettо grassо addоminale! Соn questо super integratоre, ridurrete il puntо vita in una settimana.

Una dieta líquida clara es un tipo de dieta alterada mecánicamente que incluye solo líquidos sin pulpa, trozos de comida ni sólidos, ni semisólidos; es decir, únicamente líquidos. Pueden ser licuados de frutas pero deben estar colados, así mismo pueden estar endulzados o salados pero no debe haber nada sólido. Puedes hacer zumos naturales como zumo de naranja o arándanos sin colarlos.
Carissima Silvia, innanzitutto sei fortunata ad avere una nutrizionista così e da quanto mi dici vuole “liberare” i propri clienti. Due anni sono tanti e nella tua testa di cose – anche inconsciamente – ne passano. Chissà, ora è veramente il momento giusto, ora le cose sono maturate, ora una parola udita al momento giusto farà tutto per portarti avanti. Mi chiedi cosa succederà? Ti suggerisco di replicare per il prossimo mese questi tuoi successi di atteggiamento, serenità, visualizzazioni. Datti un mese e godi intensamente di questo tuo nuovo spirito di approccio. Poi, solo poi, tutto diventerà automatico. Questo è certo.
Mangi cibo spazzatura? Sì, anche nella dieta vegana esiste la possibilità di mangiare cibi poco salutari. Per esempio cibi industriali molto lavorati, come le patatine fritte in sacchetto, i dolci confezionati per vegani, i gelati con latte di cocco, merende con zuccheri raffinati aggiunti. In questo caso, il consiglio migliore, se si ha voglia di dolce, è quello di optare per snack freschi con frutta di stagione o per un quadratino di cioccolata fondente.
In un processo per perdere grasso corporeo e peso, esistono due stadi: una partenza severa ed un seguito dietetico. Non si può evitare un periodo di dieta riducendo le calorie, i grassi e gli zuccheri, ma questo sarà più o meno lungo se l'aumento di peso è recente (ad esempio 6 chili in 2 anni) o differito nel tempo (10 chili in 10 anni). Non bisogna fissarsi delle ambizioni importanti, né delle restrizioni troppo severe, poiché senza risultati valorizzanti si arresta tutto.
Per la perdita di peso massimo, pieno di frutta, verdura, cereali integrali come il riso integrale, quinoa, avena e legumi come le lenticchie, tofu e fagioli sono una fonte eccellente di proteine ​​e prevenire la perdita di massa muscolare magra. Anche provare ad aggiungere i broccoli, cavolfiori, spinaci, verdure, melanzane e altre verdure nella vostra dieta che sono ricchi di sostanze nutritive, minerali e fibre. Utilizzare grassi e oli con parsimonia e limitare il consumo di cibo spazzatura. Anche essere sicuri di bere molta acqua e di esercitare regolarmente.
La lista delle ricette è infinita, con un pizzico di creatività si può frullare e centrifugare di tutto. I fanatici del benessere vi aggiungono anche integratori (i cosiddetti booster come estratti in polvere di alghe, tè verde, antiossidanti), i più golosi si limitano a soddisfare le esigenze del palato con combinazioni più dolci. C’è quello depurativo, anticellulite, rigenerante, dimagrante, quello che rinforza le difese immunitarie, quello che sgonfia e altri ancora, così colorati e invitanti da farci pensare che solo a berli ne trarremo beneficio. La passione per gli smoothies, questo il nome moderno dei beveroni a base di frutta e verdura frullate in acqua, latte o yogurt, non deve però fuorviarci: la realtà è che non esiste un elisir salutare per eccellenza. Il valore di una dieta liquida è piuttosto racchiuso nell’apporto di micronutrienti essenziali per far funzionare al meglio il nostro organismo, allontanandoci da possibili deficit nutrizionali. Alla base, però, ci deve essere una dieta quotidiana che metta in tavola, ogni giorno, una grande varietà di alimenti, limitando il consumo di grassi, le bibite zuccherate e gli alcolici. Succhi, spremute e frullati possono essere, ad esempio, un valido stratagemma per convincere i bambini ad assumere le tanto detestate verdure sotto un’altra forma, mitigandone il sapore. Oppure una scelta dettata dal caldo, quando sotto l’ombrellone non vogliamo appesantirci e sentiamo l’esigenza di rinfrescarci e idratarci. Nessun ruolo depurativo in senso stretto: in assenza di patologie e quando ci alimentiamo in modo corretto, i nostri fegato e reni assolvono il loro dovere di eliminare i rifiuti delle attività metaboliche.
Ma non è tutto: i soggetti che si dirottavano verso un regime alimentare vegano mostravano anche una riduzione più significativa dell’indice di massa corporea e dei grassi nel sangue rispetto agli altri, con un netto miglioramento dei livelli di macronutrienti. Anche in questo caso, secondo la ricercatrice, ciò era legato all’elevata varietà di vegetali consumati, mentre i molti carboidrati assunti erano in larga parte costituiti da carboidrati a basso indice glicemico, come i cereali integrali, che sono quelli che incidono meno sul peso corporeo.
Alcune diete liquide sono fortemente ipocaloriche (400-800kcal/die totali) e, in assenza di sorveglianza medica, possono compromettere lo stato di salute, causando anemia, ipotensione, ipoglicemia, ipopotassiemia, disidratazione (nonostante siano liquide), stipsi, acidosi metabolica, ipovitaminosi, deplezione (o ipotonia) della massa muscolare ecc.
La dieta liquida, nonostante sia ottima per idratare il corpo e perdere peso grazie alla eliminazione dei liquidi in eccesso, ha una controindicazione: non può essere seguita per più di due settimane. Gli alimenti solidi sono infatti necessari al nostro organismo per rimanere in salute e immagazzinare la corretta energia da bruciare durante il giorno.
Per perdere grasso corporeo, incluso il grasso addominale, si dovrà creare un deficit calorico, sia riducendo l’apporto calorico da alimenti in modo che il vostro corpo deve attingere alle riserve per l’energia (come il grasso immagazzinato nel corpo) o aumentando fisico attività. per perdere 1 chilo a settimana, è necessario creare un deficit settimanale di 3.500 calorie . Questo può essere fatto riducendo l’apporto calorico giornaliero di 500 calorie (500 calorie x 7 giorni = 3.500 calorie). La maggior parte dei professionisti della salute raccomandano la creazione di un deficit calorico di 3.500 a 7.000 a settimana per la perdita di peso sano e di successo. Un deficit estremo (un deficit di oltre 7,000-10,500 calorie a settimana) può compromettere le funzioni corporee e anche causare anomalie del ritmo cardiaco, che può essere fatale.
Un uso prolungato può causare l'insorgenza di effetti collaterali a carico del sistema nervoso quali ansia, insonnia, irrequietezza, vertigini, tremori e cefalea. Raramente sono stati riportati episodi psicotici. Infine in alcuni individui sono stati segnalati disturbi quali secchezza della bocca, diarrea, costipazione, nausea, epigastralgia (mal di stomaco), disuria e alterazioni della libido.
Diete più vegetariane tendono ad essere naturalmente a basso contenuto di grassi e ricca di fibre dieta onnivora o dieta vegetariana. Una dieta vegana è anche completamente privo di colesterolo, il colesterolo è presente solo nei prodotti di origine animale come carne, latticini e uova. Inoltre, in quanto centri di dieta vegan sana ed equilibrata da mangiare grandi porzioni di frutta, verdura, cereali e legumi integrali, un minor numero di calorie che si consumano ogni giorno. Questi alimenti sono anche ricchi di fibra alimentare, che consente di sentirsi pieno e soddisfatto più a lungo. Questo a sua volta permette di mangiare meno e perdere peso senza sensazione di fame o privati.
Se si vuole perdere peso con una dieta vegetariana, è necessario conoscere il motivo principale per cui si vuole perdere peso. Questo è ciò che motiverà a smettere di consumare prodotti di origine animale. Qualunque sia la ragione, si può essere certi che una dieta vegetariana per la perdita di peso può aiutare a perdere peso, allo stesso tempo, migliorare la vostra salute generale.
it considerando che il regolamento (CEE) n. 2210/80 del Consiglio, del 27 giugno 1980, relativo alla conclusione dell'accordo tra la Comunità economica europea e il governo della Svezia, concernente talune misure volte a promuovere la riproduzione dei salmoni nel Mar Baltico (1), prevede che il contributo comunitario sia pari alle spese effettive sostenute dalle autorità svedesi per allevare, classificare e mettere in libertà la quantità di giovani salmoni necessaria a produrre una riserva di salmoni pari al contingente non reciproco assegnato alla Comunità nella zona di pesca svedese per l'anno durante il quale deve essere pagato il contributo finanziario;
La prima cosa da capire è questa, ma ahimè entra in testa a pochi: non si può perdere grasso facilmente se il nostro metabolismo è lento o rallentato. Il grasso è una parte del nostro corpo che lui, il corpo, cede con molta difficoltà. Lo cede in due casi: quando sta così bene ma d’altra parte brucia di più di quanto tendenzialmente assume da liberarsi del grasso perché comunque non entra in modalità “corpo affamato”: questo è il caso di chi mangia abbastanza e mangia tutto, e parallelamente fa sport; oppure quando ha un metabolismo molto alto, che comunque gli permette di bruciare più calorie anche a riposo:  questo è il classico caso di chi è strutturalmente magro, come mio marito, che mangia quintali di cibo e cammina come un bradipo dalle zampine anchilosate, neanche come un bradipo normale, e a parte il lavoro intellettuale di professore potrebbe essere confuso con il divano di casa nostra (palestra? ma che, siamo matti?).
×