La fibra alimentare è la parte di alimenti vegetali che gli enzimi nel vostro corpo non può digerire. E ‘quindi non assorbita nel flusso sanguigno e fornisce quindi zero calorie . Inoltre, il fatto che gli alimenti ricchi di fibre in genere richiedono più masticare e il fatto che il cervello è a dieci minuti dietro lo stomaco dare al corpo il tempo di rendersi conto che è pieno e ridurre le probabilità di eccesso di cibo così. Cibi ricchi di fibre tendono a rendere i pasti indugiare più a lungo, lasciando si sente pieno per una maggiore quantità di tempo.
Disclaimer:Salve espresse indicazioni in senso contrario, Amazon non è il produttore degli articoli venduti sul sito. La confezione e i materiali informativi che accompagnano l´articolo potrebbero contenere informazioni piú dettagliate rispetto a quelle mostrate sul sito. Ti Consigliamo, pertanto, di non basarti solo sulle informazioni qui presentate e di non considerarle esaustive o sostitutive di un consulto medico.

Tuttavia, non è chiaro se si tratta di bassi livelli di vitamina C che causano aumento di peso o se il grasso in eccesso esaurisce il corpo di vitamina C. In ogni caso, ha senso consumatore una dieta ricca di vitamina C, se si desidera far fuori alcuni chili: evidenza suggerisce fortemente che alti livelli di vitamina C aiutano il corpo bruciare più grasso durante un allenamento. Uno studio ha trovato che le persone con basse concentrazioni nel sangue di vitamina C bruciato il 25 per cento in meno di grassi durante una sessione di 60 minuti a piedi su un tapis roulant rispetto alle persone con adeguate quantità di vitamina C. La vitamina C è necessaria per la produzione di carnitina, un composto che incoraggia il corpo a trasformare il grasso in carburante , anziché memorizzarlo nel corpo, e di mantenere i livelli di energia.
Le diete vegane prevedono l'eliminazione di molti cibi ricchi di grassi, colesterolo, calorie e grassi saturi. Il fatto che molti alimenti trasformati o preconfezionati contengano ingredienti di origine animale, li farà automaticamente escludere dal vegano che preferirà consumare cibi freschi e integrali. Tra i benefici associati alla dieta vegana (ma anche vegetariana), come documentato più volte dalla scienza, abbiamo: minor rischio di cancro; ridotto rischio di Attacco Ischemico Transitorio (mini-ictus); riduzione dell'infiammazione; abbassamento del colesterolo; riduzione della glicemia; ridotto rischio di diabete; riduzione del rischio di cataratta.

Siete riuscite a superare la settimana di dieta? Bravissime! Ora, però, attenzione all'altrettanto delicata fase di mantenimento; non vorrete forse inficiare i risultati ottenuti? “Questo il rischio più temuto delle diete liquide: non riuscire a conservare il calo di peso nel tempo. Abbiate allora l’accortezza di integrare in modo graduale cibi solidi, ma leggeri, ai pasti principali, scegliendo frutta o yogurt come spezza-fame. Pian piano arrivate all’integrazione completa, restando però fedeli a una dieta ipo-glucidica, vale a dire scarsa di cereali raffinati e grassi, ricca invece di fibre vegetali, vitamine e minerali”.


Rimonabant: L'EMEA (Agenzia europea per i medicinali) ne ha stabilito il ritiro dell'autorizzazione al commercio il 30 gennaio 2009 dopo che il mese precedente la società farmaceutica Sanofi-Aventis aveva informato l'agenzia della sua decisione di non proseguire ulteriormente nella commercializzazione del farmaco. Un'indagine di EMEA si era conclusa affermando che i benefici del farmaco non erano superiori ai rischi connessi al suo utilizzo (gravi sindromi depressive e casi di suicidio).[4]
Oltre ai cibi integrali il programma alimentare prevede dei frullati proteici. Quelli a basso contenuto di carboidrati sono ideali per piccoli pasti o spuntini, mentre quelli con un rapporto di carboidrati maggiore sono più indicati come pasti pre- e post allenamento. Ricorrete agli integratori proteici per fornire all'organismo tutti i nutrienti di cui necessitano per il mantenimento dei muscoli.
×