Ma non è tutto: i soggetti che si dirottavano verso un regime alimentare vegano mostravano anche una riduzione più significativa dell’indice di massa corporea e dei grassi nel sangue rispetto agli altri, con un netto miglioramento dei livelli di macronutrienti. Anche in questo caso, secondo la ricercatrice, ciò era legato all’elevata varietà di vegetali consumati, mentre i molti carboidrati assunti erano in larga parte costituiti da carboidrati a basso indice glicemico, come i cereali integrali, che sono quelli che incidono meno sul peso corporeo.
Gli studiosi hanno chiesto a 74 persone adulte con diabete di tipo 2 di ridurre di 500 calorie l’apporto giornaliero per sei mesi di tempo. Metà dei partecipanti ha seguito una dieta vegetariana, l’altra metà un’alimentazione tradizionale che includeva anche la carne. All’inizio dello studio e periodicamente nel corso dell’analisi i ricercatori hanno sottoposto i soggetti a risonanza magnetica.
La prima: come mai in sei mesi il gruppo di diabetici che ha seguito una dieta ipocalorica standard abbia perso solo 3 chili. In realtà entrambi i gruppi hanno seguito una dieta ipocalorica: quindi anche il gruppo della dieta vegetariana ha ridotto come l’altro le calorie di 500 al giorno. Comunque la perdita di peso mi sembra poca in relazione al tempo (sei mesi, con 500 calorie in meno giornaliere per entrambi i gruppi).
Come fare a seguire la dieta liquida? Vediamo una giornata tipo: la colazione è a base di tisane e succhi di frutta, mentre a metà giornata è previsto l’unico pasto solido consentito. “Non c’è un orario fisso, bisogna seguire la fame. Indicativamente le ore consigliate sono tra le 15 e le 17”. Le opzioni sono molteplici: “Io parto da una scelta vegana – illustra Speranza – e per questo motivo consiglio vegetali crudi, come finocchi, pomodori, carote o avocado con limone. Ma la scelta del pasto più adatto varia da persona a persona, e soprattutto dall’alimentazione che segue di solito. Se si è abituati a quattro pasti al giorno, io consiglio di evitare cibi impegnativi per l’apparato digerente, come la carne, e cibi “collosi” come il riso e gli amidacei”. Via libera dunque a gallette di mais, quinoa con i piselli, hamburger vegetariani e farro e orzo, “alimenti leggeri che venivano masticati a lungo anche dai soldati romani quando marciavano per ore e ore, accompagnati dalle verdure selvatiche”.
– I vegetariani o vegani possono perdere più peso degli onnivori assumendo più carboidrati e meno proteine: ma è anche vero che parte di quel peso perso in più sembra essere muscolare, e questo forse spiegherebbe anche la maggiore perdita di grasso intramuscolare nel gruppo vegetariano. Gli atleti che fanno pesi (sport i resistenza) rispetto alle persone sedentarie hanno più trigliceridi intramuscolari, ma hanno anche più muscoli.  
Ho una sola domanda: proseguendo con un regime di questo tipo, avendone già adottato uno da due mesi (infatti ho perso peso come volevo), continuando a carbo ancora più bassi, non rischierei di aumentare un’eventuale resistenza all’insulina e incorrere in grossi acquisti di peso futuri? Stesso discorso a maggior ragione se elimino l’aerobica (che ho usato specie inizialmente per alzare il consumo calorico, venivo da un periodo sedentario) 🙂

fr 1 Par requête déposée au greffe de la Cour le 13 décembre 1988, la Commission des Communautés européennes a introduit, en vertu de l' article 169 du traité CEE, un recours visant à faire constater que la République fédérale d' Allemagne, en n' ayant pas arrêté toutes les dispositions législatives, réglementaires et administratives nécessaires pour assurer la transposition complète en droit interne de la directive 80/779/CEE du Conseil, du 15 juillet 1980, concernant des valeurs limites et des valeurs guides de qualité atmosphérique pour l' anhydride sulfureux et les particules en suspension ( JO L 229, p . 30 ), a manqué aux obligations qui lui incombent en vertu du traité CEE .


Siamo in un'epoca dove la maggior parte delle persone, sia uomini che donne, vivono nell'ansia del sovrappeso. Un buon numero di noi è ben disposto a seguire una dieta per dimagrire. Dimagrire è, in effetti, una questione che lascia poche persone indifferenti. Purtroppo si tratta di una impresa delle più difficili poiché gli ostacoli sono numerosi, vari e estremamente difficili a sormontare.
In realtà non è la prima volta che uno studio conferma le potenzialità della dieta vegetariana nei confronti della perdita di peso. Sempre gli esperti del Physicians Committee for Responsible Medicine l’anno scorso avevano pubblicato una revisione di 15 studi condotti un po’ in tutta Europa e Stati Uniti, arrivando alla stessa conclusione: la dieta vegetariana consente di dimagrire più facilmente con una perdita di peso media di 10 chili in 44 settimane.
Gli autori dello studio ritengono che le persone che hanno seguito la dieta vegana abbiano ottenuto maggiori successi per alcuni semplici motivi. Prima di tutto, hanno assunto più cibi a base di fibre, che aumentano il senso di sazietà e impediscono di mangiare troppo; in secondo luogo, la dieta vegana comporta una minore assunzione di grassi e quindi di calorie.
SENZA ADDITIVI E 100% VEGAN: Le capsule sono testati in laboratorio certificato in Germania sui pesticidi, microbiologia e metalli pesanti. Sono senza lattosio-gelatina, di distaccanti come sali di magnesio di acidi grassi (magnesio stearato) esente da cariche, senza glutine, sapori, conservanti. Lo facciamo anche in assenza di coloranti e stabilizzanti.
Siete riuscite a superare la settimana di dieta? Bravissime! Ora, però, attenzione all'altrettanto delicata fase di mantenimento; non vorrete forse inficiare i risultati ottenuti? “Questo il rischio più temuto delle diete liquide: non riuscire a conservare il calo di peso nel tempo. Abbiate allora l’accortezza di integrare in modo graduale cibi solidi, ma leggeri, ai pasti principali, scegliendo frutta o yogurt come spezza-fame. Pian piano arrivate all’integrazione completa, restando però fedeli a una dieta ipo-glucidica, vale a dire scarsa di cereali raffinati e grassi, ricca invece di fibre vegetali, vitamine e minerali”.
Per perdere massa grassa è indispensabile cambiare l’alimentazione, svolgere attività fisica e cambiare lo stile di vita. È importante mentre si segue la dieta dimagrante fare attività fisica in modo da aiutare il corpo a conservare la massa muscolare magra. Poi è bene sottolineare che non esistono trucchi o delle diete particolari per perdere grasso dal corpo velocemente, ma si tratta di un lavoro difficile, che impone costanza. Il miglior metodo è quello di perdere il tessuto adiposo dimagrendo molto lentamente e con un lasso di tempo più lungo. La soluzione? Seguire un’alimentazione corretta, attività fisica e ridurre il grasso corporeo senza perdere la massa muscolare magra.
Se i farmaci fanno aumentare in modo importante la massa muscolare, agiscono anche nello stesso devastante modo sulla definizione, quindi togliamoci dalla testa i tubi del metano sul bicipite e diamoci degli obiettivi che riguardano essenzialmente il nostro pianeta. La ricerca della giusta definizione si basa essenzialmente sull' ottimizzazione di due parametri fondamentali: nutrizione e attività aerobica.
Ciao Deb. Io in un anno e mezzo ho perso 28 chili però mi sono assestato tra gli 82/84 . Fino a 2 settimane fà andavo 3/4 volte in palestra ( facendo 40 minuti cardio e poi pesi ) e giocavo 2 volte a calcio . Il fine settimana diciamo mi la ia o andate nel mangiare e nel bere perciò rimanevo sempre costante con il peso . 2 settimane fà mi sono tolto una ciste sotto un dente e per colpa dei punti per 8 gg ho bevuto solo spremute e frullati. Da lì in poi il mio corpo Sta cambiando e nonostante controllo il peso che non supera gli 82 il mio peso sta scendendo e me ne accorgo dai vestiti e dalla cintura che ha perso un buco. Volevo chiederti come mai tutto questo cambiamento anche se per paura io sto mangiando tanto ma brucio tutto subito ??? E perché sto dimagrendo con i muscoli dato che non vado in palestra o altro????
Fatti una promessa. Perdere grasso richiede tempo, energia, sacrifici. Ci saranno momenti in cui sentirai la mancanza di cibi che ami, o sarai stanco di sentire i muscoli indolenziti dopo l'allenamento. La determinazione è uno dei più importanti fattori nel decretare il successo di una dieta. Senza di essa, ricadrai nelle vecchie abitudini e guadagnerai più peso di quello perso fino a quel momento.
×