(function(){"use strict";function s(e){return"function"==typeof e||"object"==typeof e&&null!==e}function a(e){return"function"==typeof e}function l(e){X=e}function u(e){G=e}function c(){return function(){r.nextTick(p)}}function f(){var e=0,n=new ne(p),t=document.createTextNode("");return n.observe(t,{characterData:!0}),function(){t.data=e=++e%2}}function d(){var e=new MessageChannel;return e.port1.onmessage=p,function(){e.port2.postMessage(0)}}function h(){return function(){setTimeout(p,1)}}function p(){for(var e=0;et.length)&&(n=t.length),n-=e.length;var r=t.indexOf(e,n);return-1!==r&&r===n}),String.prototype.startsWith||(String.prototype.startsWith=function(e,n){return n=n||0,this.substr(n,e.length)===e}),String.prototype.trim||(String.prototype.trim=function(){return this.replace(/^[\s\uFEFF\xA0]+|[\s\uFEFF\xA0]+$/g,"")}),String.prototype.includes||(String.prototype.includes=function(e,n){"use strict";return"number"!=typeof n&&(n=0),!(n+e.length>this.length)&&-1!==this.indexOf(e,n)})},"./shared/require-global.js":function(e,n,t){e.exports=t("./shared/require-shim.js")},"./shared/require-shim.js":function(e,n,t){var r=t("./shared/errors.js"),i=(this.window,!1),o=null,s=null,a=new Promise(function(e,n){o=e,s=n}),l=function(e){if(!l.hasModule(e)){var n=new Error('Cannot find module "'+e+'"');throw n.code="MODULE_NOT_FOUND",n}return t("./"+e+".js")};l.loadChunk=function(e){return a.then(function(){return"main"==e?t.e("main").then(function(e){t("./main.js")}.bind(null,t))["catch"](t.oe):"dev"==e?Promise.all([t.e("main"),t.e("dev")]).then(function(e){t("./shared/dev.js")}.bind(null,t))["catch"](t.oe):"internal"==e?Promise.all([t.e("main"),t.e("internal"),t.e("qtext2"),t.e("dev")]).then(function(e){t("./internal.js")}.bind(null,t))["catch"](t.oe):"ads_manager"==e?Promise.all([t.e("main"),t.e("ads_manager")]).then(function(e){undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined,undefined}.bind(null,t))["catch"](t.oe):"publisher_dashboard"==e?t.e("publisher_dashboard").then(function(e){undefined,undefined}.bind(null,t))["catch"](t.oe):"content_widgets"==e?Promise.all([t.e("main"),t.e("content_widgets")]).then(function(e){t("./content_widgets.iframe.js")}.bind(null,t))["catch"](t.oe):void 0})},l.whenReady=function(e,n){Promise.all(window.webpackChunks.map(function(e){return l.loadChunk(e)})).then(function(){n()})},l.installPageProperties=function(e,n){window.Q.settings=e,window.Q.gating=n,i=!0,o()},l.assertPagePropertiesInstalled=function(){i||(s(),r.logJsError("installPageProperties","The install page properties promise was rejected in require-shim."))},l.prefetchAll=function(){t("./settings.js");Promise.all([t.e("main"),t.e("qtext2")]).then(function(){}.bind(null,t))["catch"](t.oe)},l.hasModule=function(e){return!!window.NODE_JS||t.m.hasOwnProperty("./"+e+".js")},l.execAll=function(){var e=Object.keys(t.m);try{for(var n=0;n=c?n():document.fonts.load(u(o,'"'+o.family+'"'),a).then(function(n){1<=n.length?e():setTimeout(t,25)},function(){n()})}t()});var w=new Promise(function(e,n){l=setTimeout(n,c)});Promise.race([w,m]).then(function(){clearTimeout(l),e(o)},function(){n(o)})}else t(function(){function t(){var n;(n=-1!=y&&-1!=g||-1!=y&&-1!=v||-1!=g&&-1!=v)&&((n=y!=g&&y!=v&&g!=v)||(null===f&&(n=/AppleWebKit\/([0-9]+)(?:\.([0-9]+))/.exec(window.navigator.userAgent),f=!!n&&(536>parseInt(n[1],10)||536===parseInt(n[1],10)&&11>=parseInt(n[2],10))),n=f&&(y==b&&g==b&&v==b||y==x&&g==x&&v==x||y==j&&g==j&&v==j)),n=!n),n&&(null!==_.parentNode&&_.parentNode.removeChild(_),clearTimeout(l),e(o))}function d(){if((new Date).getTime()-h>=c)null!==_.parentNode&&_.parentNode.removeChild(_),n(o);else{var e=document.hidden;!0!==e&&void 0!==e||(y=p.a.offsetWidth,g=m.a.offsetWidth,v=w.a.offsetWidth,t()),l=setTimeout(d,50)}}var p=new r(a),m=new r(a),w=new r(a),y=-1,g=-1,v=-1,b=-1,x=-1,j=-1,_=document.createElement("div");_.dir="ltr",i(p,u(o,"sans-serif")),i(m,u(o,"serif")),i(w,u(o,"monospace")),_.appendChild(p.a),_.appendChild(m.a),_.appendChild(w.a),document.body.appendChild(_),b=p.a.offsetWidth,x=m.a.offsetWidth,j=w.a.offsetWidth,d(),s(p,function(e){y=e,t()}),i(p,u(o,'"'+o.family+'",sans-serif')),s(m,function(e){g=e,t()}),i(m,u(o,'"'+o.family+'",serif')),s(w,function(e){v=e,t()}),i(w,u(o,'"'+o.family+'",monospace'))})})},void 0!==e?e.exports=a:(window.FontFaceObserver=a,window.FontFaceObserver.prototype.load=a.prototype.load)}()},"./third_party/tracekit.js":function(e,n){/**
Per contrastare poi la perdita di peso legata agli importanti movimenti involontari cui vanno incontro i pazienti e alle difficoltà di deglutizione, "una dieta vegetariana è idonea perché ad alto contenuto di carboidrati e basso di grassi". E aiuta anche contro le fluttuazioni motorie, specie post-prandiali, e le carenze di alcuni minerali e vitamine. Non esiste un menu universale, precisa Quattrone, ma "la via da seguire è quella di una dieta personalizzata" da impostare caso per caso.
La dieta líquida de 7 días no es recomendable realizarla más de esa cantidad de tiempo, y recuerda que si tienes alguna duda o estás cursando por alguna enfermedad, debes consultar a tu médico. Durante la realización de esta dieta depurativa, no hagas una actividad física muy activa, para no sentirte demasiado fatigado, trata de descansar lo máximo posible.
Non c'è stata una quarta settimana. La mia pelle era luminosa. Ero più magra. Ma non avevo alcuna intenzione di continuare. Però ho imparato una cosa: il vegetarianismo non fa per me (né per un sacco di altre persone). Mi sono resa conto che mi mancava troppo mangiare i frutti di mare, la carne, la pizza e molte altre cose. Però mi sono ripromessa di non mangiare più fuori dai pasti, il che è già una buona cosa. Ora consumo frutta una volta al giorno e faccio almeno un paio di esercizi di ginnastica all'aperto tutti i giorni. Come ho detto prima, è stata un'esperienza interessante. Potrei provarci di nuovo, in un'altra occasione, magari con una motivazione maggiore (il risultato è proporzionale agli sforzi). Ma per il momento posso solo inchinarmi: massimo rispetto per tutti i vegetariani del mondo. 

You can disable cookies. If you disable cookies, you may use the Site, but your ability to use all of the features and functionality of the Site, such as order forms, may be limited or impacted. Your browser settings can be modified to accept or reject all cookies, or request a notification when a cookie is set. You may read more about cookies at http://www.cookiecentral.com.


Ricercatori della Arizona State University ha trovato che cibo taglio in pezzi più piccoli aumenta la sazietà più di mangiare un pezzo più grande di alimento con lo stesso numero di calorie. Studenti universitari, dati un bagel intero mangiarono più di esso e abbattuto più calorie a un pasto successivo rispetto a coloro che sono stati serviti bagel stesso tagliato in quattro pezzi. Prova questo trucco su te stesso, o raggiungere per semi e cibi “sciolti”, che naturalmente forniscono più, piccoli pezzi per porzione, come pomodori uva, uva, bacche, popcorn, noci.
Public Forums. When you contribute to a public area or feature of our Website, such as a chat room, bulletin board, list serve, blog, wiki or other open forum that we may make available on or through our Website, the information that you submit will be made available to the general public and will not be considered "Personal Information" for purposes of this Privacy Policy. For this reason, we recommend that you do not submit any sensitive information, including your full name, home address, phone number, other information that would enable other users to locate you or your financial information on these areas of our Website. Instead, make up a username that does not disclose your personal identity.
Hola! tengo 31 anos de edad, 2 hijas trabajo 12 hrs. al dia y hago 1:30 minutos de ejercicio 5 veces por semana entre los cuales corro 7 km, 20 min. de zumba y reafirmo 15 min de aparatos, como 5 veces al dia , tomo 2 litros de agua pero tengo mucha hambre todo el tiempo me levanto por las noches a comer, adoro los carbohidratos mido 1.58 metros y peso 58 kg me encantaria pesar 52 kg. ¿que hago?

“Frutta ricca di fibre, antiossidanti e minerali possono evitare questi picchi di zucchero nel sangue”, segnala il professor Huang. Pure se la frutta in molti casi non placa la fame, come dimostra uno studio della University of Southern California. “I prodotti integrali contengono fibre solubili, fibre “buone” che permettono una digestione lenta e regolare” fa notare il professore che rileva che gli studi precedenti hanno già dimostrato che l’assunzione di fibre favorisce la perdita di peso. “Le diete vegetariane sono più efficaci rispetto ai non-vegetariani per perdere peso“, afferma Dr Huang, che tiene a sottolineare che sarebbe stato necessario istituire prove per assicurare benefici a lungo termine da parte del vegetarismo e del veganismo. Anche se sono già stati pubblicati studi che evidenziano che mangiare vegano o vegetariano fa vivere più a lungo.

Ciò migliorerà la produzione di catecolammine, che sono il segnale essenziale per attuare la mobilizzazione degli acidi grassi dal tessuto adiposo e l’incremento del rate di metabolizzazione dei trigliceridi da parte delle cellule muscolari. Inoltre banali ed economici integratori, come la caffeina (che potete acquistare QUI ), possono migliorare l’efficacia delle catecolamine, aumentando l’affinità di legame con il recettore soprattutto a livello delle cellule muscolari (se assunti prima dell’esercizio fisico).
La massa magra invece include quella muscolare ed è comprensiva del tessuto osseo, degli organi interni e degli altri tipi di tessuto. Naturalmente nella massa magra è compresa la quasi totalità dell’acqua corporea, se escludiamo una piccola percentuale presente nel grasso di deposito.Quindi la massa magra non corrisponde alla massa muscolare, la massa magra è tutto ciò che non è grasso (fat free mass).

Le verdure contengono tante fibre che aiutano a perdere peso e il loro consumo regolare può rendere una pelle luminosa. Dato che il mio matrimonio si sarebbe tenuto da lì a un mese, ho iniziato subito. Il primo giorno non è stato difficile, a colazione ho mangiato diverse varietà di frutta e verdura; per pranzo mi sono preparata e portata al lavoro un'insalata con lattuga, pomodori, carote, cetriolo, mela e una spruzzata di aceto; per cena mi sono religiosamente abbuffata di frutta. In effetti, ho mangiato come un porcellino: tanto sapevo che non sarei ingrassata. La prima settimana è passata liscia, anche se ho scoperto che la frutta non è economica come pensavo e ho avuto qualche problema al momento di andare in bagno (ci siamo capite). 
Gli ormoni della fame e quelli della sazietà sono costantemente in conflitto l'uno con l'altro. E le conseguenze dello scontro ormonale si manifestano nel nostro corpo. Gli ormoni della fame tendono a rallentare il metabolismo e aumentare il grasso corporeo, mentre gli ormoni della sazietà tendono ad aumentare il metabolismo e ridurre il grasso corporeo. In poche parole, se gli ormoni della fame vanno fuori controllo, saremo inclini a soffrire di un metabolismo lento e ad accumulare grasso corporeo in eccesso. Se invece i nostri ormoni della sazietà prendono il sopravvento, contrasteranno gli effetti degli ormoni della fame per fornire una maggiore energia e un corpo più sano e più snello. Ma teniamo presente che gli ormoni della fame non sono intrinsecamente cattivi; quando sono equilibrati, giocano un ruolo importante nel nostro sistema metabolico.
Ci sono centinaia di farmaci a disposizione dei consumatori di perdita di peso, il che rende la scelta di quello giusto una sfida. Nonostante tutto l'etichettatura fantasia e la lunga lista di aziende, ci sono solo due tipi di soppressori dell'appetito prodotte e vendute: over-the-counter e prescrizione. I tipi di over-the-counter sono costituiti da estratti di erbe, e quelli prescritti dai medici di solito sono sinteticamente fabbricati da primarie aziende farmaceutiche.
Quando si passa ad una dieta crudista si tende a mangiare molto, perché viene a mancare quel senso di pienezza che è in grado di dare il cibo cotto, ma è comunque una sensazione destinata a scomparire nel tempo. Questo perché la dieta crudista permette di pulire i villi intestinali (grazie ai quali il nostro organismo assimila le sostanze nutritive), che risultano occlusi dopo anni di dieta con molti scarti.
“I cereali integrali, la frutta e la verdura sono i motori della perdita di peso”, afferma Dr Ru-Yi Huang dell’ospedale E-Da di Taiwan. “Hanno un basso indice glicemico e quindi prevengono i picchi di zucchero nel sangue”, secondo l’autore dello studio. Quando lo zucchero nel sangue si innalza troppo spesso, può causare a lungo termine di tipo 2 il diabete, secondo i risultati di uno studio condotto dalla Harvard School of Public Health, perché questo processo produce tanto insulina che nel tempo il corpo smette di rispondere, e provoca un arresto della sua produzione.
* Il primo passo per ridurre il grassocorporeo è diminuire gli zuccheri ed i grassi saturi, sostituendoli con cibi integrali. Prediligete la frutta, le verdure, le carni magre, i latticini a basso contenuto di grassi, le uova, gli arachidi e i semi. Assumente i carboidrati ad assorbimento più lento, come le patate dolci, la farina d'avena ed il riso integrale.
×