Un elevato apporto di grassi porta ad accumulo di grasso nella zona addominale e altre parti del corpo. Grasso contiene più del doppio delle calorie come proteine ​​o carboidrati. Un grammo di grasso fornisce 9 calorie (39kJ), mentre un grammo di carboidrati o proteine ​​contiene 4 calorie (16.8kJ) . Inoltre, contrariamente alla credenza comune, i grassi sono i meno riempimento di tutti i macronutrienti (si diventa fame prima dopo un pasto grasso di un alto pasto di carboidrati ricchi di fibre o proteine). Grasso ha anche un basso effetto termogenico, cioè l’organismo utilizza pochissima energia per la ripartizione dei grassi (solo 0-3 per cento del suo potere calorifico) . Al contrario, proteina ha un elevato effetto termogenico (20-30 per cento), che significa che il corpo brucia una quota significativa delle calorie fornite da un pasto ricco di proteine ​​nel processo di scomposizione e digerire il pasto.
Non è solo la pressione della prova costume a invitare in questa stagione a dedicarsi a una dieta liquida: durante i mesi primaverili il nostro organismo ha bisogno di rinnovarsi e prepararsi ai primi caldi estivi libero da tossine, impurità e chiletti di troppo. Per questa ragione fare almeno un periodo di regime alimentare light, meglio ancora se allo stato liquido, può essere una vera panacea. Abbiamo chiesto a Giulia Sturabotti, specialista in igiene e medicina preventiva e consulente Tisanoreica, di darci qualche indicazione affinché la dieta detox liquida sia un successo.
💚 VEGAVERO: Tutti i nostri Integratori sono Naturali e Vegani, registrati e certificati presso Vegan Society. Utilizziamo solo Estratti Vegetali certificati di prima qualità e rispettiamo tutte le norme europee. Le Certificazioni e le Analisi dei nostri prodotti sono volentieri a disposizione su richiesta. Abbiamo a cuore il mondo animale e la natura: nessuno dei nostri prodotti contiene derivati animali o additivi artificiali.

Liberado o consumo de alimentos mais encorpados, pastosos para iniciar o organismo na nova forma de mastigar, digerir e absorver. São de 6 a 8 refeições por dia. Alimentação: carnes magras batidas, ovos moles batidos, legumes em forma de purê, vegetais cozidos ou assados ou batidos, macarrão, arroz batido, frutas macias, gelatina diet, iogurte desnatado.
Oltreoceano si dice ‘Go for 5+2!’, ed è ultimamente lo slogan più popolare per apparecchiare la tavola in modo consapevole, con un occhio di riguardo per la propria salute. Innanzitutto, contando le porzioni di frutta e verdura necessarie: i nutrizionisti lo hanno finalmente stabilito, sono sette quelle da assumere ogni giorno. Meglio se cinque di ortaggi e solo due di frutta, più zuccherina, (una porzione è, ad esempio, una mela o tre albicocche) per abbassare il rischio di infarto, ictus, diabete e anche prevenire alcuni tumori come ha dimostrato un recente studio dell’University College di Londra su 65 mila persone. Un altro trend molto in voga suggerisce di fare i conti non solo nel piatto ma anche sul calendario, scegliendo almeno due giorni di digiuno o semi-digiuno la settimana e poi concedersi pasti completi ed equilibrati nei restanti cinque. Solo mode? No, le basi scientifiche ci sono e c’è anche chi, fedele al motto del ‘5+2’, sceglie addirittura di combinare i due suggerimenti dirottandosi sulla ‘dieta liquida’, uno o due giorni la settimana: frullati, succhi e centrifugati aiutano, infatti, ad assumere molti più vegetali di quelli che si riuscirebbero a masticare e deglutire in un solo pasto e facilitano la cosiddetta restrizione calorica settimanale, che sembra essere il lasciapassare di longevità anche per chi non deve perdere i chili di troppo. A patto, è bene precisarlo, che a sperimentarlo siano persone in buona salute, senza condizioni patologiche di cui occuparsi responsabilmente.
Per perdere grasso corporeo, incluso il grasso addominale, si dovrà creare un deficit calorico, sia riducendo l’apporto calorico da alimenti in modo che il vostro corpo deve attingere alle riserve per l’energia (come il grasso immagazzinato nel corpo) o aumentando fisico attività. per perdere 1 chilo a settimana, è necessario creare un deficit settimanale di 3.500 calorie . Questo può essere fatto riducendo l’apporto calorico giornaliero di 500 calorie (500 calorie x 7 giorni = 3.500 calorie). La maggior parte dei professionisti della salute raccomandano la creazione di un deficit calorico di 3.500 a 7.000 a settimana per la perdita di peso sano e di successo. Un deficit estremo (un deficit di oltre 7,000-10,500 calorie a settimana) può compromettere le funzioni corporee e anche causare anomalie del ritmo cardiaco, che può essere fatale.

Carissima Silvia, innanzitutto sei fortunata ad avere una nutrizionista così e da quanto mi dici vuole “liberare” i propri clienti. Due anni sono tanti e nella tua testa di cose – anche inconsciamente – ne passano. Chissà, ora è veramente il momento giusto, ora le cose sono maturate, ora una parola udita al momento giusto farà tutto per portarti avanti. Mi chiedi cosa succederà? Ti suggerisco di replicare per il prossimo mese questi tuoi successi di atteggiamento, serenità, visualizzazioni. Datti un mese e godi intensamente di questo tuo nuovo spirito di approccio. Poi, solo poi, tutto diventerà automatico. Questo è certo.
Es importante recordar que los jugos detox pueden ingerirse en una dieta normal, ya que sus beneficios para el organismo se mantendrán. Además de esto, la dieta líquido detox no debe ser utilizada como forma exclusiva para bajar de peso, ya que no generará resultados permanentes a largo plazo. Por lo que lo ideal es que los alimentos detox como frutas y vegetales hagan parte de la alimentación diaria de las personas, sin restricciones de otros alimentos esenciales para el buen funcionamiento del organismo como las carnes y los carbohidratos. 
*Il secondo passo è modificare le proporzioni tra i macronutrienti. Modificate gradualmente ladieta in modo che l'apportocalorico provenga solo per il 40% dai carboidrati; per farlo continuando a soddisfare il fabbisogno calorico occorre ridurre l'apporto totale di carboidrati ed aumentare considerevolmente l'apporto proteico giornaliero. Personalmente consiglio di assumere 2,2 grammi di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. Tuttavia, diminuendo il consumo dei carboidrati, l'assunzione di proteine dovrebbe aumentare tra il 2,5 e 3,3 grammi per Kg di peso corporeo. >L'apporto proteico è determinato dalla diminuzione dei carboidrati nella dieta e dalla massa magra iniziale. Maggiore è la rigidità della dieta e la qualità di grasso corporeo che desiderate perdere, maggiore dovrà essere l'apporto proteico necessario per compensare la rilevante riduzione di carboidrati.
×