Gli alimenti ricchi in grassi e zuccheri devono essere consumati con parsimonia. Gli alimenti grassi includono i petroli, i condimenti dell'insalata, la crema, gli alimenti trasformati, le patatine fritte, i biscotti, le pasticcerie, gelato, gli alimenti dei dolci ecc. in questo gruppo forniscono le calorie e l'energia vuote sotto forma di grassi e di zuccheri. Sono poveri in altre sostanze nutrienti essenziali.
Ci sono due tipi principali di grasso nella zona di vita. Il grasso viscerale , immagazzinato sotto gli addominali, si deposita tra gli organi interni. Questo è il tipo di grasso addominale dà stomaco una “pancia di birra” o aspetto “ventre piatto”, in cui l’addome sporge ma allo stesso tempo sente difficile quando si tocca. Grasso sottocutaneo , invece, viene memorizzato solo sotto la pelle. Si tratta di ciò che dà una pancia un flaccido, aspetto traballante. Entrambi i tipi di grasso della pancia può essere dannoso per la salute, ma il grasso viscerale ancora di più.
Tutto veramente interessante, ma sarebbe interessante sapere chi endomorfo come me,se non può fare sedute con carichi ma solo endurance,come si fa ad allenare,visto che allenandomi cosi si verifica cio che hai perfettamente descritto ossia pochi risultati e questo dopo aerobica e circuiti con cardio tarato per non arrivare a rischio per il mio problema
Nonostante questa premessa, mi sono ritrovata in una situazione particolare che mi ha spinto a imbarcarmi in quella che io chiamo la mia "prima missione vegetariana". Molte spose si sottopongono a ogni genere di fatica per arrivare splendide al matrimonio e durante il mese precedente sembrano tante api operose impegnate in ogni possibile attività per ottenere un corpo e una pelle perfetti: vanno in palestra, si mettono a dieta, frequentano le Spa. Ma se lavori nove ore al giorno per cinque giorni la settimana e hai anche altri impegni, come fai?
Tutto veramente interessante, ma sarebbe interessante sapere chi endomorfo come me,se non può fare sedute con carichi ma solo endurance,come si fa ad allenare,visto che allenandomi cosi si verifica cio che hai perfettamente descritto ossia pochi risultati e questo dopo aerobica e circuiti con cardio tarato per non arrivare a rischio per il mio problema

Si estás en una dieta líquida durante un período prolongado de tiempo o estás cuidando a una persona que la lleva, es importante variar los ingredientes y productos alimenticios con el fin de evitar el aburrimiento. Prueba diferentes sabores de los mismos tipos de alimentos, tales como una variedad de yogures con sabor a frutas, sopas cremosas o diferentes sabores de gelatina. Los batidos con mezclas de frutas son un sabroso manjar para alguien en una dieta líquida completa, como lo sería también una taza de pudin chocolate o flan de vainilla.
Sbollentare le foglie di lattuga ed eliminare la costa dura. Sovrapporre le foglie a 2 a 2 e distribuirvi al centro un po’ di ripieno di cuscus. Chiuderle poi a involtino, legarle e sistemarle in una teglia. Aggiungere il succo di limone, l’olio rimasto, qualche rametto di timo, sale e pepe. Coprire gli involtini di lattuga a filo di acqua e cuocere a fiamma bassa per 30 minuti circa.
Con la dieta vegana si assumono generalmente sei porzioni di cereali, preferibilmente da pane e cereali arricchiti con calcio; cinque porzioni di legumi, noci e altri tipi di proteine, come il burro di arachidi, ceci, tofu, patate e latte di soia; e quattro porzioni al giorno di verdura, due porzioni di frutta e due porzioni di grassi sani, come l’olio di sesamo, avocado e cocco.
Il vantaggio di bere frutta e verdura è facilitare l’assorbimento delle vitamine idrosolubili come la C e quelle del gruppo B, tra cui l’acido folico, di cui è ricco il mondo vegetale e che devono essere assunte quotidianamente attraverso la dieta, perché non accumulabili nell’organismo. «Per le vitamine liposolubili A, D, E, K essere in acqua non rappresenta invece alcun vantaggio, in genere vengono assorbite insieme ai grassi alimentari e poi accumulate in riserve nel fegato – spiega Lucilla Titta, ricercatrice presso l’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano dove è coordinatrice del programma SmartFood IEO per l’educazione alimentare e la divulgazione scientifica (puoi chiederele un consulto qui) – Si può però aggiungere al frullato della frutta secca, in modo che i grassi “buoni” (monoinsaturi e polinsaturi) in essi contenuti facciano da veicolo per facilitarne l’assorbimento di vitamine». I centrifugati separano frutta e verdura dalla polpa e dalla buccia, lasciando nel bicchiere solo il succo concentrato di acqua, vitamine e sali minerali. «Viene persa e sprecata tutta la parte fibrosa dei vegetali, importante nell’alimentazione, e si accumulano gli zuccheri contenuti nella frutta in poco volume – prosegue – Nei frullati, invece, la presenza di fibra abbassa l’indice glicemico del preparato, così da favorire un assorbimento più lento degli zuccheri e limitare picchi glicemici in chi lo beve». Ciò che manca per trasformare un frullato di sola frutta e acqua in un mini-pasto completo è la componente di proteine, che dovrebbero raggiungere il 15-20 per cento dell’apporto calorico totale nell’arco della giornata: una carenza da compensare con attenzione nei giorni successivi a quello dedicato alla dieta liquida. La passione per succhi, spremute e centrifugati dà una mano anche all’idratazione, importante tanto in estate quanto in inverno. Un adulto sano dovrebbe integrarne le perdite con almeno 2-2,5 litri di acqua al giorno, dalla bottiglia e anche dal mondo vegetale: ‘beviamo’ quando mangiamo una porzione di frutta, basti pensare che una mela o una pera sono costituite da oltre il 90 per cento di acqua. Numerosi studi hanno inoltre confermato che è più facile per il nostro organismo assimilare l’acqua contenuta negli alimenti, piuttosto che mangiare cibi secchi e dopo irrorare il boccone con abbondanti sorsate.
La fibra alimentare è la parte di alimenti vegetali che gli enzimi nel vostro corpo non può digerire. E ‘quindi non assorbita nel flusso sanguigno e fornisce quindi zero calorie . Inoltre, il fatto che gli alimenti ricchi di fibre in genere richiedono più masticare e il fatto che il cervello è a dieci minuti dietro lo stomaco dare al corpo il tempo di rendersi conto che è pieno e ridurre le probabilità di eccesso di cibo così. Cibi ricchi di fibre tendono a rendere i pasti indugiare più a lungo, lasciando si sente pieno per una maggiore quantità di tempo.
Secondo lo studio, fare una dieta con il 60% di carboidrati, il 15% di proteine e il 25% di grassi (ripartizione simile alla mediterranea) funzionerebbe meglio che fare una dieta con il 50% di carboidrati, il 20% di proteine e il 30% di grassi. Quel dieci per cento in più di carboidrati derivato da un maggiore consumo di frutta e verdura farebbe perdere peso alle persone senza obbligarle a contare le calorie.

La vitamina D è una vitamina liposolubile che è naturalmente presente in alcuni alimenti come fegato, tuorlo d’uovo, pesce e latticini arricchiti con vitamina D. Tuttavia, la maggior parte delle persone si incontrano la loro vitamina D ha bisogno attraverso l’esposizione alla luce solare che innesca il corpo di sintetizzare la propria vitamina D. Una carenza di vitamina D è stata associata con una maggiore accumulo di grasso e obesità.
Un consiglio da non sottovalutare, la modifica del rapporto dei macronutrienti deve avvenire diminuendo i carboidrati ed aumentando le proteine in modo lento e graduale, perché modificare le proporzioni molto velocemente può rivelarsi un grande errore, che rischia di causare diminuzione della massa muscolare, della forza e dalle resistenza, per non parlare poi della sensazione di deprivazione e letargia. Sebbene siano molto efficaci, i regimi alimentari a basso contenuto di carboidrati possono essere difficili da rispettare, soprattutto all'inizio.
×