Grazie alle sue proprietà uniche per la salute, la dieta vegetariana può essere utilizzata come dieta per la perdita di peso. Contiene grandi quantità di fibra alimentare, che fornisce una sensazione di sazietà per un lungo periodo di tempo. Inoltre, ha una grande quantità di antiossidanti e vitamine, che supportano il corretto funzionamento di tutto il corpo. Una dieta vegetariana equilibrata, insieme all'attività fisica, è un mezzo efficace per combattere l'eccesso di peso. Secondo una ricerca condotta nei più grandi centri scientifici del mondo, i vegetariani hanno sicuramente meno problemi di obesità e sovrappeso.
Quel che conta, però, è comporre le bevande vegetali in maniera tale che diano il giusto sostentamento e non ci facciano sentire deboli, demotivate o nervose durante l'arco della giornata. Spiega l'esperta: "consiglio di differenziare le bevande durante la giornata. Divertitevi a inventarne di ogni genere, usando frutta e verdura di stagione, anche insieme, e aggiungendo radici benefiche ed energizzanti come zenzero e ginseng. L’utilizzo dei legumi nelle passate, inoltre, vi permette di ottenere le proteine vegetali, molto importanti, e i carboidrati complessi di cui l'organismo necessita. L’obiettivo è quello di introdurre tutti i nutrienti in modo equilibrato, cosa non sempre facile da realizzare soprattutto visto che per una settimana si escluderà carne e pesce. Per questa ragione si può ricorrere, durante la settimana, a drink già preparati, contenenti aminoacidi vegetali e proteine”.

Ebbene si e ciò è confermato da numerose ricerche. In generale coloro seguono una dieta vegana tendono ad avere un indice di massa corporea (IMC) inferiore alla media. Uno studio del 2016 (University of South Carolina, Columbia, South Carolina, Usa) ha confrontato la perdita di peso nell'arco di 6 mesi tra persone che seguivano diete vegane, vegetariane, semi-vegetariane e onnivore. I risultati hanno mostrato che le persone che seguivano una dieta vegana hanno perso più peso rispetto agli altri gruppi, riducendo anche il loro consumo di grassi saturi. Una revisione degli studi del 2016 compiuta in Italia dall'Università degli studi di Firenze, ha analizzato 96 studi sulle diete vegane e vegetariane concludendo che le diete a base vegetale fossero più efficaci per la perdita di peso rispetto alle diete onnivore, con benefici sulla salute generale (abbassamento del colesterolo e un minor rischio di cancro).
Non solo: chi segue un regime vegetariano di solito riesce a mantenersi in forma senza sforzi e praticando poca attività fisica. Questo stile di vita (perché è proprio così che possiamo definirlo) infatti comporta l’eliminazione di cibi ricchi di grassi saturi e zuccheri raffinati, comportando una notevole perdita di peso in breve tempo e senza il fastidioso effetto yo-yo. Ma non è finita qui, perché la dieta vegetariana fa anche bene all’umore e ci aiuta a combattere l’invecchiamento precoce.

Diverso è invece il discorso relativo alla salubrità dell’alimentazione vegana, considerata da molti esperti troppo estrema e non sostenibile dall’organismo nel lungo termine. «I vegani, sempre che siano dei consumatori consapevoli, possono anche vivere bene, a patto, però, che integrino la vitamina B12 che non è presente in nessun alimento di origine vegetale - raccomanda Miggiano -. Inoltre si raccomanda sempre di intraprendere questo tipo di alimentazione con l’aiuto di un nutrizionista, ancora meglio di un medico». Se l’obiettivo è quello di perdere peso, diventando vegani, seppur con la «promessa» di tornare onnivori una volta buttati giù i chili di troppo, bisogna far sì che non vadano persi anche i nutrienti e le vitamine essenziali all’organismo. Altrimenti il gioco non vale la candela.
Sei un vegetariano in sovrappeso? Sapete la migliore dieta vegetariana per la perdita di peso? Ci sono una serie di alimenti che si possono consumare per ridurre il peso in eccesso come un vegetariano. Una cosa grandiosa di questa dieta è che è fatta di ingredienti naturali. Una dieta tipica per un vegetariano dovrebbe includere i legumi, semi, noci, frutta e verdura. Essi non devono contenere alcun cibo da animali affatto. Ogni dieta si impegnano deve essere unico nel suo genere.
🌿 UN ALLEATO NATURALE: La Garicinia Cambogia favorisce la perdita di peso, inibendo la formazione e l'accumulo dei grassi e trasformando zuccheri e carboidrati in energia. Grazie al suo effetto saziante permette di controllare la fame nervosa. Aumenta inoltre i livelli di serotonina, l'ormone della felicità e del buon umore. Contrasta la produzione dei trigliceridi e del colesterolo cattivo.
Si dovrebbe ottenere 8 porzioni al giorno. Una porzione è ½ tazza cotto grano, come la farina d’avena o di pasta, 1 oncia di cereali secchi (di solito ¾ tazza a 1 tazza), una fetta di pane, o una mezza pane pita o tortilla. La maggior parte delle ciambelle sono in realtà quattro porzioni. Otto porzioni possono sembrare molto, ma 1 tazza di farina d’avena per la prima colazione, un panino con due fette di pane per il pranzo, e una ciotola di pasta fatta con 1½ tazze di spaghetti con una fetta di pane francese incontra il tuo obiettivo a 8-serving.
*Il secondo passo è modificare le proporzioni tra i macronutrienti. Modificate gradualmente ladieta in modo che l'apportocalorico provenga solo per il 40% dai carboidrati; per farlo continuando a soddisfare il fabbisogno calorico occorre ridurre l'apporto totale di carboidrati ed aumentare considerevolmente l'apporto proteico giornaliero. Personalmente consiglio di assumere 2,2 grammi di proteine per Kg di peso corporeo al giorno. Tuttavia, diminuendo il consumo dei carboidrati, l'assunzione di proteine dovrebbe aumentare tra il 2,5 e 3,3 grammi per Kg di peso corporeo. >L'apporto proteico è determinato dalla diminuzione dei carboidrati nella dieta e dalla massa magra iniziale. Maggiore è la rigidità della dieta e la qualità di grasso corporeo che desiderate perdere, maggiore dovrà essere l'apporto proteico necessario per compensare la rilevante riduzione di carboidrati.
×