Zinco supplementazione di zinco in soggetti carenti ha dimostrato di aumentare i livelli di leptina circolanti. La leptina, un ormone scoperto di recente, nel 1994, svolge un ruolo chiave nella regolazione della spesa del corpo di energia, il deposito di grasso, e l’appetito. Si comunica direttamente al cervello quando si dovrebbe sentire pieno e smettere di mangiare. Livelli di leptina insufficienti si ritiene siano la causa primaria del desiderio di cibo, l’eccesso di cibo, e ossessione per il cibo . Zinco, che richiede la vitamina B6 per il corretto assorbimento a livello intestinale, si trova in una varietà di alimenti, più ricche fonti alimentari che sono le ostriche, carne rossa e pollame.
Occorre inoltre limitare al massimo il consumo di grassi saturi. Diminuire il numero dei tuorli d'uovo e prediligere gli albumi, i tagli di carne magra, come petto di pollo o tacchino, e carni rosse magre. Allo stesso tempo, aumentare il consumo di grassi salutari come gli oli di pesce, l'olio extravergine d'oliva, e l'olio di semi di lino. Usate il burro d'arachidi perché particolarmente energetico ed adatto a soddisfare il fabbisogno calorico.
Porém é necessário lembrar que os resultados podem não durar, pois com a diminuição de calorias o metabolismo funciona mais devagar para poupar a energia. Se ao fim da dieta não houver uma reeducação alimentar, a possibilidade de engordar e ganhar mais peso do que tinha antes. É preciso mudar a antiga forma de se alimentar por uma que seja mais vantajosa para o organismo.
Il vantaggio di bere frutta e verdura è facilitare l’assorbimento delle vitamine idrosolubili come la C e quelle del gruppo B, tra cui l’acido folico, di cui è ricco il mondo vegetale e che devono essere assunte quotidianamente attraverso la dieta, perché non accumulabili nell’organismo. «Per le vitamine liposolubili A, D, E, K essere in acqua non rappresenta invece alcun vantaggio, in genere vengono assorbite insieme ai grassi alimentari e poi accumulate in riserve nel fegato – spiega Lucilla Titta, ricercatrice presso l’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano dove è coordinatrice del programma SmartFood IEO per l’educazione alimentare e la divulgazione scientifica (puoi chiederele un consulto qui) – Si può però aggiungere al frullato della frutta secca, in modo che i grassi “buoni” (monoinsaturi e polinsaturi) in essi contenuti facciano da veicolo per facilitarne l’assorbimento di vitamine». I centrifugati separano frutta e verdura dalla polpa e dalla buccia, lasciando nel bicchiere solo il succo concentrato di acqua, vitamine e sali minerali. «Viene persa e sprecata tutta la parte fibrosa dei vegetali, importante nell’alimentazione, e si accumulano gli zuccheri contenuti nella frutta in poco volume – prosegue – Nei frullati, invece, la presenza di fibra abbassa l’indice glicemico del preparato, così da favorire un assorbimento più lento degli zuccheri e limitare picchi glicemici in chi lo beve». Ciò che manca per trasformare un frullato di sola frutta e acqua in un mini-pasto completo è la componente di proteine, che dovrebbero raggiungere il 15-20 per cento dell’apporto calorico totale nell’arco della giornata: una carenza da compensare con attenzione nei giorni successivi a quello dedicato alla dieta liquida. La passione per succhi, spremute e centrifugati dà una mano anche all’idratazione, importante tanto in estate quanto in inverno. Un adulto sano dovrebbe integrarne le perdite con almeno 2-2,5 litri di acqua al giorno, dalla bottiglia e anche dal mondo vegetale: ‘beviamo’ quando mangiamo una porzione di frutta, basti pensare che una mela o una pera sono costituite da oltre il 90 per cento di acqua. Numerosi studi hanno inoltre confermato che è più facile per il nostro organismo assimilare l’acqua contenuta negli alimenti, piuttosto che mangiare cibi secchi e dopo irrorare il boccone con abbondanti sorsate.
Il vantaggio di bere frutta e verdura è facilitare l’assorbimento delle vitamine idrosolubili come la C e quelle del gruppo B, tra cui l’acido folico, di cui è ricco il mondo vegetale e che devono essere assunte quotidianamente attraverso la dieta, perché non accumulabili nell’organismo. «Per le vitamine liposolubili A, D, E, K essere in acqua non rappresenta invece alcun vantaggio, in genere vengono assorbite insieme ai grassi alimentari e poi accumulate in riserve nel fegato – spiega Lucilla Titta, ricercatrice presso l’Istituto Europeo di Oncologia (IEO) di Milano dove è coordinatrice del programma SmartFood IEO per l’educazione alimentare e la divulgazione scientifica (puoi chiederele un consulto qui) – Si può però aggiungere al frullato della frutta secca, in modo che i grassi “buoni” (monoinsaturi e polinsaturi) in essi contenuti facciano da veicolo per facilitarne l’assorbimento di vitamine». I centrifugati separano frutta e verdura dalla polpa e dalla buccia, lasciando nel bicchiere solo il succo concentrato di acqua, vitamine e sali minerali. «Viene persa e sprecata tutta la parte fibrosa dei vegetali, importante nell’alimentazione, e si accumulano gli zuccheri contenuti nella frutta in poco volume – prosegue – Nei frullati, invece, la presenza di fibra abbassa l’indice glicemico del preparato, così da favorire un assorbimento più lento degli zuccheri e limitare picchi glicemici in chi lo beve». Ciò che manca per trasformare un frullato di sola frutta e acqua in un mini-pasto completo è la componente di proteine, che dovrebbero raggiungere il 15-20 per cento dell’apporto calorico totale nell’arco della giornata: una carenza da compensare con attenzione nei giorni successivi a quello dedicato alla dieta liquida. La passione per succhi, spremute e centrifugati dà una mano anche all’idratazione, importante tanto in estate quanto in inverno. Un adulto sano dovrebbe integrarne le perdite con almeno 2-2,5 litri di acqua al giorno, dalla bottiglia e anche dal mondo vegetale: ‘beviamo’ quando mangiamo una porzione di frutta, basti pensare che una mela o una pera sono costituite da oltre il 90 per cento di acqua. Numerosi studi hanno inoltre confermato che è più facile per il nostro organismo assimilare l’acqua contenuta negli alimenti, piuttosto che mangiare cibi secchi e dopo irrorare il boccone con abbondanti sorsate.
Chiaramente la carne va eliminata da questa alimentazione come abbiamo detto e quale sarà uno dei primi risultati? Il tuo corpo si libererà delle tossine e degli agenti inquinanti che vengono rilasciati dai cibi di origine animale quando vengono cotti. Questo tipo di piano alimentare con una dieta vegetariana al suo interno si sta diffondendo sempre più, in particolare in America.

Salve signor Alé Rivale,ho 32anni e un grosso problema,…in due gravidanze ho preso molto peso che non sono più riuscita a smaltire e che nel tempo mi ha creato molte diffilculta e disaggi..il peso mi a limitato la liberta in relazioni sociali isolandomi, e altre problemi di copia…non sono mai andata a un dietista perche impegni con due figli piccoli non mi permettono,vorrei cortesemente un consiglio e se possibile una dieta che funzioni veramente per poter ricominciare a vivere e non soffrire più in silenzio perche non posso fare nulla per ora.
Gli anoressizzanti vengono usati nel trattamento dell'obesità e della dipendenza dal cibo. In considerazione dei non indifferenti effetti collaterali ad essi associati le autorità di regolamentazione dei farmaci hanno sempre sottolineato che il loro utilizzo deve essere considerato integrativo e non sostitutivo di un adeguato programma per la riduzione ed il controllo del peso corporeo. Possono essere utilizzati solo da pazienti affetti da grave obesità, specie se si associano altri fattori di rischio correlati all'obesità, come ad esempio il diabete di tipo II o la dislipidemia.
La lista delle ricette è infinita, con un pizzico di creatività si può frullare e centrifugare di tutto. I fanatici del benessere vi aggiungono anche integratori (i cosiddetti booster come estratti in polvere di alghe, tè verde, antiossidanti), i più golosi si limitano a soddisfare le esigenze del palato con combinazioni più dolci. C’è quello depurativo, anticellulite, rigenerante, dimagrante, quello che rinforza le difese immunitarie, quello che sgonfia e altri ancora, così colorati e invitanti da farci pensare che solo a berli ne trarremo beneficio. La passione per gli smoothies, questo il nome moderno dei beveroni a base di frutta e verdura frullate in acqua, latte o yogurt, non deve però fuorviarci: la realtà è che non esiste un elisir salutare per eccellenza. Il valore di una dieta liquida è piuttosto racchiuso nell’apporto di micronutrienti essenziali per far funzionare al meglio il nostro organismo, allontanandoci da possibili deficit nutrizionali. Alla base, però, ci deve essere una dieta quotidiana che metta in tavola, ogni giorno, una grande varietà di alimenti, limitando il consumo di grassi, le bibite zuccherate e gli alcolici. Succhi, spremute e frullati possono essere, ad esempio, un valido stratagemma per convincere i bambini ad assumere le tanto detestate verdure sotto un’altra forma, mitigandone il sapore. Oppure una scelta dettata dal caldo, quando sotto l’ombrellone non vogliamo appesantirci e sentiamo l’esigenza di rinfrescarci e idratarci. Nessun ruolo depurativo in senso stretto: in assenza di patologie e quando ci alimentiamo in modo corretto, i nostri fegato e reni assolvono il loro dovere di eliminare i rifiuti delle attività metaboliche.
Con così tanti consigli su come perdere peso, è davvero difficile sapere da dove cominciare. La buona notizia è che non devi comprare attrezzi miracolosi o libri di diete per cominciare a smaltire i grassi. Fai un piano che abbia senso in relazione alle tue esigenze fisiche e attieniti a esso: è il miglior modo per dimagrire. Ecco da cosa puoi partire.
×