Per i musulmani è il Ramadan, il nono mese del calendario islamico, e anche ebrei e cattolici resistono agli echi della fame con la preghiera, in alcune ricorrenze. Tutte le religioni invitano al digiuno per purificare lo spirito ma anche il corpo, non certo per mettere a repentaglio la salute dei fedeli. Dalle sacre scritture alle librerie, passando anche dalla scienza, ci ha pensato Michael Mosley, giornalista della BBC, a dare il via lo scorso anno al fenomeno del digiuno intermittente (il metodo si chiama appunto Fast Diet) con un manuale che negli UK é stato subito bestseller. Niente piatti tristi e sconditi, nè la mortificazione quotidiana di fare il conto delle calorie: si mangia ciò che si vuole (senza però strafogarsi) per cinque giorni la settimana, i restanti due si introducono al massimo 500-600 calorie, saziandosi magari solo con delle verdure o dei beveroni. Più facile per chi fatica a conciliare appetito e impegni con un rigido piano dietetico quotidiano, l’idea del digiuno intermittente lascia perplessi alcuni nutrizionisti più ‘conservatori’. Certo, sarebbe meglio educare a una sana alimentazione, da seguire tutti i giorni con convinzione, ma la restrizione calorica non è certo un’idea peregrina. «Negli animali abbiamo visto che un taglio delle calorie del 30% corrisponde minore rischio cardiovascolare, diabete, cancro e fa vivere più a lungo – spiega Luigi Fontana, della Divisione di Geriatria e scienze nutrizionali presso il Centro per la Nutrizione umana della Washington University di St.Louis, Usa, che da anni studia l’impatto della dieta sull’invecchiamento – Risultati osservati nei topi, non sappiamo ancora come applicarla all’uomo perché da personalizzare, anche in base all’età e al metabolismo di una persona. La stiamo testando su persone sovrappeso, osservando miglioramenti di importanti parametri nel sangue, in tutto il mondo si cercano biomarcatori per confermarne l’effetto positivo in termini di longevità anche nell’uomo». Come capire se dobbiamo darci un taglio con le calorie? «Dall’addome non piatto: se abbiamo grasso viscerale, che è associato a più alto rischio cardivascolare, significa che stiamo introducendo più calorie del necessario». Eliminare la ‘pancetta’ sì, ma senza esagerare con le restrizioni, sia che si scelga una dieta liquida o un digiuno intermittente: quando lasciate senza nutrimento per più di uno o due giorni, le cellule rilasciano nel sangue corpi chetonici, sostanze che affaticano anche il fegato e il cervello. Una vera e propria intossicazione, alla faccia del nostro desiderio di ‘disintossicarci’.
Ele ressalta que, em ambos os casos, cada organismo vai reagir de uma forma diferente. “Uma dieta líquida muito restrita pode acarretar uma perda de peso de cerca de 10 kg em 15 dias. Mas depende da pessoa, do seu tipo físico, da sua rotina e de como a dieta será feita. Uma pessoa com obesidade pode perceber os resultados de forma bem rápida, assim como uma pessoa sedentária”, diz o profissional.
Mentre sale (sodio) è necessario per regolare alcune funzioni corporee, troppa provoca ritenzione idrica. I tessuti intorno alla zona addominale o particolarmente soggetti a ritenzione idrica, creando l’impressione di un grasso della pancia. Se si sente il cibo è carente sapore, provare a utilizzare spezie ed erbe invece di quantità eccessive di sale. Essere anche consapevoli del sale “nascosto” che è presente in molti alimenti confezionati e trasformati, come i cereali commerciali, verdure in scatola, e pasti surgelati.
Quindi cerchiamo di iniziare! Scegli il giorno in cui si desidera iniziare la dieta. Pesarsi prima di iniziare e tenere traccia del vostro peso durante le tre settimane. Inoltre, tenere un registro di ciò che si mangia. Mantenere un record di cibo e un diario di come ci si sente quando si è sulla dieta vi aiuterà a monitorare i tuoi progressi. Qui di seguito è una guida completa per iniziare, insieme a un piano di menu di tre settimane. In bocca al lupo!
Potrebbe essere una sorpresa per te, ma non metti su muscoli mentre sei in palestra. La muscolatura cresce quando sei lontano dalla sala pesi, più precisamente mentre stai dormendo. E’ durante le ore di sonno, infatti, che le fibre muscolari vengono riparate, dopo aver subito micro-lacerazioni durante l’allenamento. Ecco perché dovresti preoccuparti di riposare a sufficienza.
Attenzione: questa pagina è una traduzione automatica di questa pagina originariamente in lingua inglese. Si prega di notare in quanto le traduzioni sono generate da macchine, non tutte le traduzioni saranno perfetti. Questo sito web e le sue pagine web sono destinati ad essere letto in inglese. Ogni traduzione del sito e le sue pagine web possono essere imprecise e inesatte, in tutto o in parte. Questa traduzione è fornita per comodità.
Il corpo ha bisogno di tutti gli alimenti e di diversi tipi, cibi grassi inclusi, la cosa importante è non mangiare troppo qualsiasi tipo di cibo. Sostituire l’hamburger con il petto di pollo è inutile se si mangia tanto di entrambi, poiché i cibi non apportano grassi, ma calorie; è vero che i cibi grassi hanno più calorie e l’eccesso di calorie che il corpo non riesce a sintetizzare si traduce in accumuli di grasso. La regola è: mangiare meno, un po’ di tutto.
Potrebbe essere una sorpresa per te, ma non metti su muscoli mentre sei in palestra. La muscolatura cresce quando sei lontano dalla sala pesi, più precisamente mentre stai dormendo. E’ durante le ore di sonno, infatti, che le fibre muscolari vengono riparate, dopo aver subito micro-lacerazioni durante l’allenamento. Ecco perché dovresti preoccuparti di riposare a sufficienza.
In contesti ipocalorici, quindi generalmente ipoglucidici, anche il fegato svolge un ruolo regolatorio, però rispetto alla leptina ha un effetto più a breve termine: si ricordi infatti, che questo organo deposita glucosio sotto forma di glicogeno per una quantità di circa 100-110 grammi. Quando questa quantità viene depauperata si assiste quindi a un aumento dei processi catabolici del nostro organismo.
Oltre ai cibi integrali il programma alimentare prevede dei frullati proteici. Quelli a basso contenuto di carboidrati sono ideali per piccoli pasti o spuntini, mentre quelli con un rapporto di carboidrati maggiore sono più indicati come pasti pre- e post allenamento. Ricorrete agli integratori proteici per fornire all'organismo tutti i nutrienti di cui necessitano per il mantenimento dei muscoli.
×